RIVISTA LA ROMA – L’intervista: Fabio CARESSA “Ogni Benedetta Domenica”…

Questo mese siamo andati a trovare il condirettore di Sky Sport Fabio commentatore televisivo e conduttore, ci ha raccontato i suoi inizi dal ‘Piccolo Gruppo’ di Michele Plastino fino ad arrivare ad essere un punto di riferimento della più importante emittente satellitare in Italia.

Come sempre, ecco una anticipo per i nostri lettori multimediali dell’intervista fatta in esclusiva dalla nostra ‘Punta di Diamante’ Alberto

LA 362 (Novembre 2017): Fabio
“Ogni benedetta Domenica” di Alberto 

Cinquant’anni, giornalista affermato, brillante telecronista e papà modello. Un Mondiale alle spalle, quello del 2006 vinto dall’Italia, che gli cambia la vita perché nato sotto il segno del suo nome di battesimo: Fabio. Come Fabio Cannavaro capitano di quella nazionale, come Fabio Grosso che segna l’ultimo e decisivo rigore contro la Francia, e come appunto Fabio che, con un perfetto mix tra enfasi e mestiere, lo racconta attraverso i canali di SKY Sport a milioni di italiani i quali, coinvolti e riconoscenti, ricambiano regalandogli grande popolarità (un recente e attendibile sondaggio prova come l’87% degli italiani lo conosca).
fa parte della generazione di giornalisti romani che, partendo dalla gavetta, ha saputo farsi strada meritando sul campo la stima e la considerazione di tutti, e diviso in uguale misura tra l’attenzione nei confronti delle ricette di sua moglie Benedetta e il meravigliato stupore per i cucchiai di , arriva ogni domenica a sublimare questa dicotomia sentimental-sportiva quando, in piena concorrenza con la dolce metà, spartisce con successo gli ascolti dei telespettatori.

Come ti sei avvicinato a questo mestiere?
«Nel 1987 mi iscrissi al primo corso del “Piccolo Gruppo” di Michele Plastino, la scuola di giornalismo che aveva appena preso vita. Iniziai presto a lavorare per “Calciomania”,
un programma che andava in onda su Canale 66, la sorella minore di Teleroma 56. Un giorno Michele mi prese da parte e mi disse: “Sono lieto di essere proprio io colui che ti inizierà a questo lavoro. Ho avuto una visione. Un giorno lavorerai in una televisione importante e farai concorrenza al mio ‘Goal di Notte’”. Sul momento non mi sembrò possibile, anche perché allora nei grandi network non esistevano programmi notturni sul calcio, e quella premonizione mi passò di mente. Solo più tardi capii che aveva ragione, perché la sua visione era il Posticipo di Campionato, le partite della domenica sera che iniziarono nel 1993».

Da ragazzo volevi fare il giornalista in generale, o puntavi proprio a fare le telecronache?
«Ti potrà sorprendere, ma volevo fare l’inviato di guerra. E ci sono riuscito in un secondo tempo, nel 2010, quando fui il primo giornalista italiano associato alle Forze in Afghanistan. È stata un’esperienza unica e irripetibile, durata 21 giorni, che mi ha colpito profondamente. In quell’occasione ho potuto capire con quanta serietà e quanta professionalità lavorino i militari del nostro Paese».

(…)


Per leggere il resto dall’articolo, corri in edicola… Oppure acquista ONLINE la rivista e ricevila a casa senza costi aggiuntivi. Perché… chi ama la , legge LA !!!


 

10 pensieri riguardo “RIVISTA LA ROMA – L’intervista: Fabio CARESSA “Ogni Benedetta Domenica”…

    • Alberto Mandolesi
      08/12/2017 in 00:00
      Permalink

      Vero che Fabio Caressa riteneva i giocatori della Roma inadatti al 4-3-3, ma per onestà dobbiamo riconoscergli che da settembre (quindi in tempi non sospetti) va ripetendo anche in televisione che la Roma è uno squalo e che si sarebbe avvicinata lentamente alle sue prede. Se lo critichiamo quando sbaglia valutazione, dovremmo riconoscergli il merito quando intuisce con anticipo i meriti della nostra squadra ⚽️

      Risposta
    • Roberto Ceccucci
      08/12/2017 in 11:54
      Permalink

      Sono d’accordo. Come al solito però quando la Roma fa qualcosa di buono, come la qualificazione, più di tanto non se parla. Mentre quando sbaglia qualcosa si enfatizza molto. Comunque ti ringrazio per avermi risposto, ti seguo fin da quand’ero ragazzino e grazie a FB ho potuto comunicare con te. Un saluto!!!

      Risposta
  • Paolo Cosentini
    07/12/2017 in 19:27
    Permalink

    Caro condirettore, visto che ci stiamo, è possibile spiegare, al telecronista che spesso commenta la roma, la differenza fra i numeri cardinali e gli ordinali. Troppo spesso si inerpica su parabole impossibili. Ripassiamo insieme le “tabelline”; il minuto 3’xx” (cardinale) è quello che va dal’inizio del terzo minuto fino alla fine del quarto ed è pertanto il quarto (ordinale). Ora una verifica: Il primo minuto (ordinale) che numero cardinale è? 😃😃😃👍

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *