LAZIO-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

di Diego – Finisce 0-0 un intenso, che lascia alla l’amaro in bocca per i due punti persi. Il bicchiere mezzo pieno racconta comunque di una squadra sempre terza con una gara in meno da giocare.

Canovaccio della partita abbastanza prevedibile: Lazio aggressiva che cerca di rubare palla lanciando subito nello spazio Immobile, contenuto dalla perfetta trappola del fuorigioco attuata dalla difesa giallorossa.

La è stanca di testa più che nelle gambe per l’impresa di martedì ma, nonostante una Lazio vivace, la vera palla goal per andare in vantaggio ce l’hanno i giallorossi, col clamoroso palo di Bruno Peres.

Nella ripresa la squadra di Inzaghi inizia ad affidarsi spesso alla palla alta su Milinkovic-Savic mentre la , uscito uno Schick non brillante come col Barça, deve fare i conti con i cali di Bruno Peres e, comprensibilmente, di De Rossi, oltre che con i problemi muscolari di Manolas.

Nonostante ciò, le opportunità della Lazio restano sempre potenziali, tanto che l’unica parata di Alisson è un “passaggio” di sinistro di Marusic.

Un pensiero per la direzione molto “casalinga” di Mazzoleni, che deve arbitrare in un contesto dove parte dello stadio ribolle per ogni fallo a metà campo. Mancano i gialli a Leiva (il secondo), Immobile e Milinkovic-Savic; resta incredibile il “fallo” di pancia fischiato a fine primo tempo a Nainggolan, che aveva già mandato verso la porta, praticamente in uno contro uno, Džeko. I 3’ di recupero nella ripresa (il tempo perso per la mezza rissa dopo l’entrata di Milinkovic-Savic su Manolas non è stato preso in considerazione) sono pochi.

Nel finale la , in superiorità numerica per la corretta espulsione di Radu, prima rischia con un’opportunità di Marusic (chiuso da El Shaarwy), poi ha tre occasioni pazzesche con Džeko (grande parata di Strakosha, ennesimo “legno” e destro a fil di palo), che non riesce a cogliere per fare sua l’intera posta.

Prima della semifinale d’andata di Champions la ha ora due gare di campionato in cui sono obbligatori i sei punti: Di Francesco dovrà arrivare a ottenerli facendo comunque ricorso a tutta la rosa a disposizione, se vuole – come vorrà – una squadra fresca contro un Liverpool che fa della fisicità una delle sue doti migliori.

 

4 pensieri riguardo “LAZIO-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

  • Danilo Proia
    16/04/2018 in 10:27
    Permalink

    Ma smettetela di mettere questo articolo ma che punti persi ma veramente fate, la partita più importante è quella della semifinale di Champions che ti da la finale ha Kiev quella è importante. Ieri una Roma che non ha accelerato ma stava vicino alla vittoria

    Risposta
  • Diego Angelino
    16/04/2018 in 15:16
    Permalink

    Non hai perso due punti, visto che meritavi di vincere poiché hai preso un palo e una traversa a portiere battuto? Tutti conosciamo l’importanza della sfida con il Liverpool, ma non possiamo certo dire che siamo sicuri che parteciperemo alla prossima Coppa perché vinceremo questa. Anche il campionato ha il suo valore per rigiocare la Champions (e per i soldi che prendi entrando nelle prime quattro).

    Risposta
  • 17/04/2018 in 18:45
    Permalink

    Il modo migliore per preparare le partite col Liverpool è rimanere concentrati sul campionato. La Roma purtroppo deve necessariamente arrivare tra le prime quattro

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *