ACCADE OGGI… 23 ottobre: 1983. Novecento metri d’amore giallorosso…

“DUE CURVE STRACOLME, NETTI E VIVI I COLORI. MIGLIAIA DI BANDIERINE BIANCOAZZURRE NELLE MANI FRENETICHE DEI LAZIALI. LA SOLITA COREOGRAFIA,COLLAUDATA ORMAI CON LO SCUDETTO, NELLA , INTERAMENTE GIALLOROSSA. ATTIMI DI TENSIONE,SOLO QUANDO MANCAVA UN QUARTO D’ORA ALL’INIZIO.

SINO A QUEL MOMENTO LE CURVE SI ERANO FRONTEGGIATE RIMBECCANDOSI CON CORI NON PROPRIO DA COLLEGIALI. IMPROVVISAMENTE DALLA CURVA NORD E’ EMERSO SUPERANDO BRACCIA E TESTE,UN GIGANTESCO STRISCIONE UN PO’ ROZZO E VOLGARE,VAGAMENTE PROVOCATORIO. LA RISPOSTA DEI ROMANISTI E’ STATA STILE OXFORD: UN LUNGO APPLAUSO CARICO DI IRONIA CHE DEVE AVER DISORIENTATO I LAZIALI.

CON SAPIENTE REGIA POI ALLE 14:25, MENTRE DAL TUNNEL SPUNTAVANO GIA’ I CALZETTONI DI DI BARTOLOMEI, LA HA SFODERATO IL SUO ASSO: UN GIGANTESCO TAPPETO CON UN MESSAGGIO D’AMORE.

SEMPLICEMENTE!!!!!

IL MESSAGGERO (24/10/1983)


STAGIONE 1983/1984- 6 GIORNATA

LAZIO- 0-2
Marcatori: 4′ Nela, 63′ Pruzzo.

LAZIO: Cacciatori, Miele (53′ Vella), Chiarenza, Manfredonia, Batista, Spinozzi, Cupini (66′ D’Amico), Vinazzani, Giordano, Laudrup, Marini. A disp. Ielpo, Piraccini, Meluso. All. Morrone.

: Tancredi, Nela, Bonetti I, U.Righetti, Falcao, Maldera III (7′ E.Oddi), B.Conti (82′ Chierico), Cerezo, Pruzzo, Di Bartolomei, Graziani. A disp. Malgioglio, Strukelj, F.Vincenzi. All. Liedholm.

Arbitro: Agnolin (Bassano del Grappa).



, as ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *