KLUIVERT “Ho scelto la Roma per migliorare”

In vista della partita di Champions League tra e Porto, Justin  si è raccontato ai microfoni dell’emittente televisiva americana “ESPN”.

Nell’intervista  ripercorre i passi che l’hanno portato al club giallorosso la scorsa estare: “Il livello è molto alto qui ed è per questo che ho scelto di venire alla  – le sue parole – Ora mi aspetto molto da me stesso, voglio migliorare ogni giorno. Credo che quando senti di essere pronto a fare il prossimo passo, allora devi farlo. E sentivo di essere pronto”.

L’attaccante olandese parla poi delle differenze tra ed Eredivisie“Qui si difende da squadra. E anche il ruolo di esterno è diverso. In Olanda si prende la palla e si va diretto all’uno contro uno. Qui invece si deve fare più movimento, bisogna attaccare gli spazi, un modo di giocare che mi porta a migliorare. Ho imparato molto, spero di poter giocare in tutti i ruoli dell’attacco in futuro”.

Poi i compagni di squadra, a cominciare Kostas Manolas“E’ il più veloce in campo, ma di sicuro è anche il più pazzo… Come dire, è una specie di boss, uno che fa sempre scherzi”. 

Menzione speciale per De Rossi: “Mi ha aiutato in tutto di quando sono qui, fin dal primo giorno. Parla un ottimo inglese. E’ davvero bello quando qualcuno come lui ti mostra così tanto rispetto e cerca sempre di aiutarti: l’accoglienza perfetta”.

I toni dell’intervista si fanno più leggeri quando parla della sua vita a . “Ho comprato una piccola utilitaria da quando sono qui, ma guidare a è da pazzi, cercano sempre di sorpassarti e poi è pieno di buche, se non si sta attenti si rischia di bucare una gomma… Ma è qualcosa che ti tiene sull’attenti. Come in campo: bisogna sempre farsi trovare pronti”.

Un pensiero anche alla crescita dei giovani olandesi, come i suoi ex compagni di squadra de Ligt e de Jong: “Siamo in crescita, invecchiando miglioriamo e vedrete che anche la Nazionale Olandese tornerà ad alti livelli, credo che possiamo migliorare molto”. 

Su de Jong si parla ovviamente del suo futuro trasferimento al Barcellona: “Incredibile, un trasferimento da sogno. Per uno che ama il calcio e pensa solo a giocare, il Barcellona è il club ideale”.

Gli viene poi mostrato un filmato dell’esultanza di suo padre Patrick al gol nella finale di Champions ’94-’95 tra Ajax e Milan, vinta dai ‘lancieri’. “Non è qualcosa da tutti, è un momento davvero speciale della sua vita”. Riguardo la sua esperienza in giallorosso, in Europa è fermo al gol segnato nella fase a gironi al Viktoria Plzen. “Ma mi sto impegnando per segnare di più“, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *