Volata Champions: la Roma ora è pronta

(IL TEMPO, Biafora) La cura Ranieri ha rimesso in piedi la . Le due vittorie consecutive, con zero gol al passivo, hanno riportato i giallorossi sulla giusta carreggiata dopo lo sbandamento che ha causato l’esonero di Di Francesco e l’addio di Monchi. I capitolini, momentaneamente quinti con 54 punti a -1 dal Milan, giocheranno però gran parte dello sprint finale senza De Rossi, uscito per un problema muscolare al flessore nel secondo tempo del match con l’Udinese. Le sensazioni del capitano, che oggi svolgerà gli esami strumentali, non sono buone: la paura è quella paura è quella di aver terminato in anticipo la stagione (mancano 41 giorni all’ultima gara) o di poter tornare a disposizione solo per un paio di partite.

L’assenza di DDR è un duro colpo per la , visto che giocando con lui e Cristante davanti alla difesa la squadra ha dimostrato molto più equilibrio e compattezza tra i reparti, subendo un solo tiro dagli avversari dopo il gol di Dzeko. Al suo posto, a meno di un arretramento di Pellegrini in mediana con conseguente spostamento di nella zona centrale della trequarti, ci sarà Nzonzi. Il francese, out coni friulani per un problema al ginocchio, si è sottoposto ai controlli medici di rito, che hanno dato esito negativo, e cercherà perciò di allenarsi in gruppo sin dai primi giorni della settimana che porta alla gara con l’Inter. Quella con i nerazzurri è la partita più importante da qui a fine anno, visto che davanti a sé i capitolini hanno un calendario che prevede poi le sfide con Cagliari, Genoa, Juventus, Sassuolo e Parma.

I bianconeri saranno già sazi per la praticamente certa vittoria dello scudetto, mentre le piccole hanno un leggero margine sulla zona retrocessione: la lotta salvezza pare riguardare più Empoli, Bologna e Udinese. La sconfitta con la ha messo in difficoltà la squadra di Tudor, che sarà costretta a dare il massimo con la Lazio nel recupero della venticinquesima giornata, in programma mercoledì. I biancocelesti sono a cinque punti di distanza dai ragazzi di Ranieri e, con una vittoria che manca dal 31 marzo, rischiano di perdere il treno League. Oltre al Milan, che sarà impegnato con Parma, Torino, Bologna, Fiorentina, Frosinone e Spal, l’avversario che più viene temuto dalle parti di è l’Atalanta.

Gli orobici non perdono da sei partite di fila e recuperano Zapata per il match di stasera, che gli metterà davanti l’Empoli. Grazie ad un successo gli uomini di Gasperini aggancerebbero i rossoneri, sorpassando nuovamente la e avendo davanti a sé i confronti con Napoli, Udinese, Lazio, Genoa, Juventus e Sassuolo. La bagarre per raggiungere il traguardo dell’Europa che conta è aperta, nessuno si può più permettere errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *