A Daniele De Rossi

(, Cagnucci) Non c’è un senso. O se c’è, non è romanista. Non c’è niente di romanista in questa scelta. Fa male al petto di un popolo. Cosa ci guadagna la  rispetto a quello che perde? Perde un simbolo. Perde un collante. Perde un pezzo di se stessa. Un pezzo di noi. Perde quel cazzo di tutto che io e nessuno riuscirò a scrivere adesso. E manco domani. Cosa avrebbe comportato un , quale reato aziendale si sarebbe compiuto? Cos’è che noi umani non capiamo? A come Amore e non A come Azienda, ma pure da questo punto di vista come lo vendi un brand senza sangue? Un marchio senza quella luce dentro?  è la faccia, gli occhi della e, tanto, le nostre parole. Daniele  parlava per noi. Daniele era il nostro vanto in tutto. Lo è. Lo resta. Non si ammaina. […]

VAI ALL’ARTICOLO INTEGRALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *