ACCADDE OGGI… 15 maggio: 1983, Roma-Torino 3-1

Preparata con tanto anticipo, la festa scudetto segue un cerimoniale studiato nei dettagli e alla fine non c’è stonatura. Inizia il pubblico: stadio esaurito, nuovo incasso record per le gare di (oltre un miliardo), colpo d’occhio eccezionale. Prosegue la squadra: ci sono tre gol, firmati da Pruzzo (su rigore), Falcao (c’e chi alla radio lo descrive da “antologia” e questo dice tutto…) e Bruno Conti (alla maniera del Mundial). Disuo il Torino ci mette una rete siglata da Patricio Hernandez. Chiudono insieme pubblico e squadra in un abbraccio simbolico. Di Bartolomei e compagni a sfilare sul campo, i tifosi a “ringraziare” in tribuna.

La Roma campione si congeda dal con l’ennesima lezione di e di stile. La città impazzisce mezzora dopo la conclusione. Ci sono caroselli, cortei, follie d’ogni genere, ma tutto il caos resta ordinato, composto. Viola, Liedholm, i giocatori chiudono l’ultimo atto rendendo pubblico ringraziamento alla tifoseria. Si volta pagina; c’e chi pensa al doppio confronto di Coppa Italia, chi al prossimo , chi alla Coppa dei Campioni. Venditti al Circo Massimo canta “Grazie Roma”. Anche noi ci uniamo al coro.
(Rivista LA ROMA – n° 4)


STAGIONE 1982/1983 – XXX Giornata
Roma, Stadio Olimpico – domenica 1983

ROMA – TORINO 3-1
RETI: 21′ Pruzzo (R), 36′ Falcao, 81′ Hernandez, 85′ Conti.

ROMA: Tancredi (10’st Superchi), Nela, Vierchowood, Ancelotti, Falcao, Maldera, Iorio (30’st Giovannelli), Prohaska, Pruzzo, Di Bartolomei, Conti.
In Panchina: Nappi, Righetti, Chierico.
Allenatore: Liedholm.

TORINO: Terraneo (33’st Copparoni), Corradini, Beruatto, Ferri, Danova, Galbiati, Torrisi, Dossena, Selvaggi, Hernandez, Borghi (1’st Comi).
In Panchina: E. Rossi, Salvadori, Bertoneri.
Allenatore: Bersellini.

Arbitro: Bianciardi di Siena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *