VOTI A RENDERE di Paolo MARCACCI

Nuova puntata della rubrica del nostro geniale Paolo che da buon professore, dà i voti al weekend appena trascorso… Una rubrica da non perdere…

10) Barcellona – Liverpool
Un altro sport, semplicemente. Non è una provocazione, né un modo di dire. È un giudizio che scaturisce dal paragone con le visioni di partite come Udinese – Inter o Genoa – .

9) Arjen – Frank
Per un decennio abbondante hanno incarnato una delle epoche più fulgide di un club prestigioso come il Bayern Monaco. Mietendo trofei, distillando classe. Chapeau.

8) Fabio .
Un brandy che migliora di giorno in giorno, di sorso in sorso, di gol in gol.

7) Gennaro Gattuso 
Dà sempre senso all’ascolto di una conferenza stampa; è uno di quegli uomini di sport in grado di captare l’attenzione e riscuotere la stima anche di quella parte di pubblico che non è appassionato di una specifica disciplina.

6) Juventus
La società prende una decisione normale, se fossimo in un paese normale: identifica il demente che con la sua gestualità vomitevole infanga una tifoseria intera, lo butta fuori dallo stadio, lo rifiuta. Speriamo costituisca un precedente.

5) Claudio Ranieri
È l’uomo del possibile, non dell’impossibile. Il giudizio va formulato in base alle forze che un allenatore del suo stampo ha a disposizione. La di Genova scende in campo con l’atteggiamento sbagliato, non lo corregge; trova un vantaggio inestimabile a otto minuti dal termine del tempo regolamentare, riesce quindi a sperperarlo: questo è inaccettabile anche con questa rosa. Sulla panchina adesso c’è lui, di conseguenza è uno dei responsabili.

4) Fiorentina
Non si può staccare la spina, agonisticamente parlando, all’inizio della primavera. Guardate la rosa dei viola, parametratela ai 40 punti in classifica. Tutto qua.

3) Lazio 
Un secondo tempo indecoroso, a prescindere dal valore dell’Atalanta.

2) Patrik Schick 
Non si può andare in guerra con lo sguardo di Bambi.

1) L’imbecille dell’ “Allianz Stadium”
Un tipo di italiano che conta sempre più esemplari. Siamo circondati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *