Ranieri-Di Francesco: il pari non basta

(GAZZETTA DELLO SPORT) Domenica  saluterà Trigoria da chi avrebbe voluto incidere di più, ma sul campo i risultati strettamente sportivi sono stati in linea con quelli di Eusebio , quindi non da zona Champions, nonostante le rivali in tanti momenti abbiano fatto di tutto per rallentare la propria corsa.

Intendiamoci, alla  nessuno mette in dubbio la necessità di cambiare guida tecnica, perché  – secondo quanto si dice nella dirigenza – sentiva che una parte del gruppo storico non lo seguisse più. Ma numeri alla mano i risultati non sono stati all’altezza delle aspettative che hanno portato l’esonero dell’allenatore abruzzese. La media punti di , infatti, è stata di 1,72 a partita contro l’1,69 del precedente allenatore, facendo registrare finora uno scarto quindi minimo e in ogni caso insufficiente per raggiungere il quarto posto, che l’obiettivo prefissato e per il quale l’allenatore subentrato avrebbe percepito anche un bonus. (…).

Quello su cui ha provato a incidere è stata la fase difensiva. Perciò ha chiesto di non far partire più il gioco da dietro, ma di cercare più il lancio lungo cercando di andare ‘sulle seconde palle’. Tutto questo con due certezze: che così non si sarebbero persi palloni in uscita facendo trovare la retroguardia mal piazzata; che la qualità degli attaccanti a disposizione era tale che i gol sarebbero arrivati lo stesso. La prima cosa è avvenuta, la seconda assai meno. (…).

Così i gol a partita sono stati 1,88 per contro gli 1,36 del suo successore, mentre quelli subiti sono stati 1,38 a gara contro gli 1 a partita di . La media dei tiri in porta fatti, poi, è passata da 16,4 a 15,2, mentre quella dei tiri nello specchio da 6,2 a 4,5, perciò la percentuale realizzativa è scesa da 11,5% al 9%, la percentuale dei tiri nello specchio da 48,9% a 38,3%, mentre i passaggi riusciti dall’83% al 79,9%. Come si diceva, il miglioramento è avvenuto in difesa, visto che la media dei tiri subiti è passata da 14,5 con a 13,6 con , mentre le conclusioni subite nello specchio sono passate di media da 4,6 a 3,6. (…).

7 pensieri riguardo “Ranieri-Di Francesco: il pari non basta

  • Marco Lucchetti
    21/05/2019 in 07:42
    Permalink

    si ma la squadra era costruita per di francesco e inoltre Ranieri nn ha fatto il precampionato per collaudarla,quindi un bell’applauso al mister romano 👏👏👏

    Risposta
  • Alessandro Vetrano
    21/05/2019 in 07:47
    Permalink

    Quest’anno la colpa è dei giocatori no degli allenatori in campo vanno loro e se so pippe non è certo per colpa dei mister

    Risposta
  • Pinella Carvone
    21/05/2019 in 08:40
    Permalink

    La squadra è stata costruita male anche per Di Francesco, cosa ancora peggiore, visto che lui era già allenatore prima dello smantellamento e poi ricostruzione della squadra ☹️

    Risposta
  • Cristian Cesaratto
    21/05/2019 in 08:51
    Permalink

    Ranieri ha sistemato la fase difensiva e impostato un minimo di tattica….in poche partite ha comunque cambiato il volto alla squadra, i miracoli però non li fa nessuno.

    Risposta
  • Raffaella Palchetti
    21/05/2019 in 12:49
    Permalink

    Ma uguali cosa che con DF ne abbiamo presi 7 dalla Fiorentina, Fazio era irriconoscibile, giocatori messi fuori ruolo….ma per favore, non diciamo eresie che se ci fosse stato dall’ inizio Ranieri, a quest’ora probabilmente non aspetteremmo un miracolo per entrare in Champions!

    Risposta
  • Stefania Sabbatini
    21/05/2019 in 13:37
    Permalink

    Con Ranieri un minimo di gioco si è visto, la difesa è migliorata, purtroppo avendo a disposizione giocatori scarsissimi non poteva ottenere di più

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *