ER SOGNO di Paolo MARCACCI

Me svejo tutto sudato, O nun me so’ svejato?

Oddio! M’hanno chiuso nell’armadio!E mo’ quanno c’arivo allo stadio?

Me movo, me sposto, me riaddormento ‘n poco…Ecchetela, tiè! So’ finito ‘n fòriggioco!

C’ho ‘n’arsura che momenti me moro,Ve prego, chiamate er bibbitaro!

E poi ‘sta sudarella lungo la “schina”,Che effetto che me fa ‘a stracittadina!

Me pio le gocce, ‘n carmante, du’ confetti?Intanto, levo er tappo a li Borghetti…

Co’ l’occhi chiusi già ‘ntono i primi cori,Ner buio me immagggino i colori…

Sona la sveja! È come ‘n supplizio! E ‘nvece no: è er fischio d’inizio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *