ANNOZERO. La partita di San Siro può ribaltare il risultato ma non il giudizio

È il caso di rivedere un po’ di parametri, anche dal di vista giornalistico, evidentemente; bisogna tarare al ribasso gli aggettivi, esempio, e tutta una di proporzioni.

Svezia – non è stata soltanto la disastrosa andata dello spareggio per andare Russia 2018; è stata anche la doccia gelata sui giudizi spesso enfatici, alcune volte addirittura entusiastici, che spendiamo per le nostre partite, per il nostro campionato, per il numero di che conta la nostra A, per molte doppiette e triplette che spettacolarizzano, apparentemente, un che annovera quest’anno quattro o cinque protagoniste e una sfilza di comprimarie, il che non fa altro che confermare, ogni anno di più, la profezia di Fabio Capello, quando parlò di campionato “non allenante” Questo ragionamento non deve cambiare qualora Milano l’ riuscisse ribaltare il risultato di Solna; perché la di Andersson è davvero poca cosa è fa riflettere il fatto che, con un minimo sindacale di equilibrio tattico e dopo aver trovato un casuale vantaggio, sia riuscita condurre in la gara senza correre grossi rischi, anzi continuando provocare gli azzurri, Berg in testa.

Fa riflettere la mentalità rinunciataria con cui l’ ha interpretato la gara prima e dopo il subito, perché il 3 – 5 – 2 che l’ha fatta apparire piuttosto accorta e coperta finché è durato lo zero zero, non è poi servito nulla in fase (presuntamente) propositiva, visto che le recriminazioni azzurre si fermano un palo. È proprio la pochezza dell’avversario, ripetiamo, dare la misura di quanto approssimativo sia questo progetto tecnico e fare di il capro espiatorio scagiona troppi altri responsabili, da una di giocatori sopravvalutati e sempre latitanti al momento decisivo – Verratti su tutti, parlando di di nazionale – una dirigenza federale che non ha mai saputo vedere al di là del proprio e del mantenimento delle proprie poltrone, tanto è vero che non sarebbero affatto certe le dimissioni di e compagnia in caso di clamorosa, epocale eliminazione.

Aspettando la di San Siro, che può ribaltare il risultato ma non il giudizio, si aspetta il per cercare di dimenticare l’avvilente prova del italiano, scolastico nel contenimento ma da encefalogramma piatto in costruzione. E se il reparto di mezzo si esprime così, parlare degli altri è francamente una perdita di tempo.

5 thoughts on “ANNOZERO. La partita di San Siro può ribaltare il risultato ma non il giudizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *