RIVISTA LA ROMA – Segno, esulto e torno…

Segno, esulto e torno… Ecco il titolo della nuova rubrica che ci terrà compagnia sulla nostra storica rivista giallorossa. In questa prima parte, il nostro Alfio ci racconta le più belle dagli esordi fino al 1975… Per i nostri del sito, ecco un piccolo estratto…

Vi aspettiamo in edicola…

Almeno fino all’inizio degli anni Settanta bastavano un urletto, un saltello, un sobrio movimento delle braccia all’indirizzo dei compagni di più vicini, un abbraccio casto e fugace e poi si scappava di corsa
riprendere il gioco. Scorrono le stagioni e quello delle tipiche dei bomber per caso o per tradizione è un inventario in continuo aggiornamento al punto che certi festeggiamenti, pur ripensando con tenera nostalgia alla beata semplicità di un tempo, sono divenuti ormai un elemento immancabile dello spettacolo del calcio. Per nostra fortuna anche la storia giallorossa è ricca di tanti gioiosi episodi. Cosa c’è in effetti di più entusiasmante di un della Roma? O di una vittoria? Forse solo il tripudio che ne deriva…

C’è un’immagine meravigliosa che mi nel cuore e che, per me meglio di tante altre, esprime il senso profondo del nostro essere romanisti. Ha ragione da vendere il mio carissimo amico Fabrizio quando dice che certe sono sempre esistite, questa ne è la prova! Torniamo indietro fino al ottobre 1935, giorno in cui di Luigi Barbesino, orfana dei tre argentini fuggitivi Guaita, Stagnaro e Scopelli, espugna casa Lazio dopo tre anni e mezzo portandosi il tredicesimo derby capitolino della storia e restando tiro del
capolista, cui invano contenderà fino all’ respiro uno già sfiorato cinque campionati prima. In quattro escono dal terreno di gioco dello del Partito, sfiniti ma raggianti per l’impresa da poco compiuta. Ottantadue anni dopo, l’istantanea è più che mai nitida e attuale. Evaristo Frisoni, quasi trasfigurato dalla fatica, riesce mantenersi in piedi solo sorreggendosi Fulvio che, con aria divertita e irriverente, pare sfidare il fotografo non perdere neanche un dettaglio di quella trionfale passerella. Il terzo del gruppetto è Guido Masetti, calzettoni calati metà polpaccio, smorfia che più impunita non si può. Chissà che non abbia appena sfornato una di quelle battute che per tredici anni hanno tenuto unito lo spogliatoio della e poi ne hanno tirato su il morale durante i campionati di guerra. La sua mano forte e sicura, difesa estrema nelle giornate più difficili, cinge al petto, come fosse uno di quei palloni che già mille volte ha saputo domare, Cattaneo che soltanto pochi istanti prima, settanta secondi dal fischio finale, con un astuto colpo di testa ha messo la firma sulla stracittadina e ora se la può ridere di gusto, stremato quanto felice.


Per leggere il resto dall’articolo, corri in edicola… Oppure acquista ONLINE la rivista e ricevila casa senza costi aggiuntivi. Perché… chi la ROMA, legge LA ROMA!!!


 

 

 

7 thoughts on “RIVISTA LA ROMA – Segno, esulto e torno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *