BARCELLONA-ROMA SOTTOPASSAGGIO. Sbagliando si impara, prima o poi…

MARCACCI – Come si dice sfiga in catalano? Ce lo chiediamo al minuto 38, quando dal tempismo con cui anticipa nasce la traiettoria che beffa Alisson; molto prima, però, c’eravamo chiesti come si dica in olandese, perché quello su Dzeko è nitido come il primo scorcio di mare alla fine della Rambla e ci si chiede cosa stesse guardando il belloccio Danny Makkelie, sguardo attonito da frequentatore di coffee shop, quando il bosniaco finisce a terra dopo che Semedo ne spezza la corsa fluida verso ter Stegen. Alla fine della prima frazione di gioco, con gli occhi ancora stropicciati per l’incredulità di una Roma così ben disposta e dalle linee compatte, ci si rende conto che le recriminazioni sono due, perché il piede di Umtiti impatta quello di Pellegrini un centimetro dentro l’area. Nel mezzo, il palleggio dei catalani, col 61 % di possesso palla, costretto dalle intuizioni di a essere più barocco del solito, anzi tortuoso come certe linee di Gaudì. si chiude con il giallo a Kolarov, che è un granello disciplinare in un oceano di autostima innalzatasi col passare dei minuti, scaturita dopo due giri e mezzo di lancetta da un anticipo di su Messi, vale a dire incontrare Monica Bellucci a Via del Corso che ti chiede di farle compagnia.

Neanche di disserrare le mascelle consumate dalle recriminazioni dell’intervallo che l’ipotetico uno a uno nasce e muore sulla fronte di Perotti, che schiaccia verso il fondo ciò per cui ter Stegen s’era già dannato l’anima.
Non c’era bisogno di arrivare a stasera per scoprire che Rakitic ha negli scarpini nozioni euclidee, però quando piazza il tracciante sul quale si avventa Manolas per anticipare Umtiti, tutti i santi indipendentisti protettori della Catalogna si danno appuntamento per il secondo rimpallo sfortunato della serata romanista.

Accenni di sfilacciamento da frustrazione, quindi allo scoccare dell’ora di gioco il quasi ex Signor Shakira – stando ai rotocalchi – firma il terzo blaugrana, dopo la respinta di Alisson sul di Suarez. Mai tabellino fu più ingiusto, oltre che irriguardoso. Ecco perché un romanista terrebbe vivo il ritorno, nonostante tutto, oltre a perorare la sacrosanta causa della dignità.

Nel frattempo, ha preso il posto di Pellegrini.
Il ora modula sui ritmi che gli sono più congeniali la gestione della palla, il che taglia fuori più di un giocatore della Roma, a cominciare da Dzeko che non trova spazi da aggredire.

Minuto 72, El Shaarawy per Florenzi, in serata non memorabile.
Più noiosi i tamburi della gradinata blaugrana o la sempiterna trama di passaggi di Iniesta – mastro di chiavi – e compagni? La storia parla per loro, la cronaca di stasera manca di rispetto ai meriti della Roma e del suo allenatore. Quando Piqué devia in angolo una conclusione di Strootman, servito da Perotti dal fondo, la la stampella dell’orgoglio.

Poi lascia il posto a Defrel, che riesce a far fare un figurone a ter Stegen dopo una zingarata di quest’ in fase di disimpegno.

Minuto 80: raccoglie almeno un poco di quanto seminato; ghirigoro di Perotti da sinistra, palla rasoterra in area, Dzeko fa secco Jordi Alba e infila il tre a uno nell’angolino. “Daje!” lo capiscono e lo temono pure in Catalogna, ora.
Gomes per Sergi Roberto, il cambio di Valverde. Poi cede, tra gli applausi della sua gente, il posto a Denis Suàrez.

I giocatori della Roma continuano a scivolare come se avessero bava di lumaca sotto i tacchetti, va a capire.

Giallo per Strootman, al minuto 85.

È incredibile l’errore in uscita dall’area, non certo il primo della serata, che innesca il fraseggio da cui nasce, dal lato destro, il suggerimento per il quattro a uno firmato da Suarez. Gestione della palla da parte di a ritmi da diciannovesimo secolo: improponibile, stasera.

Minuto 90, punizione di alta sulla traversa, concessa per fallo di Denis Suàrez su Defrel.

Se ne vanno come frutti di mare alla Boquería i 32; di recupero, che consegnano agli almanacchi una sconfitta ingiusta nelle proiezioni, ingenua per gli episodi, rabbiosa per ciò che i giallorossi si sono visti negare nel momento più equilibrato della gara.

Ci aspetta, tra una settimana, un’altra serata di grande calcio, senza farsi illusioni, ma con l’orgoglio di essersela guadagnata.
Sbagliando s’imparerà, prima o poi.

3 thoughts on “BARCELLONA-ROMA SOTTOPASSAGGIO. Sbagliando si impara, prima o poi…

  • 17/07/2021 in 23:32
    Permalink

    343203 760426Was koche ich heute – diese Frage stellen sich tag fuer tag viele Menschen. Und wir haben tag fuer tag die perfeckte Antwort darauf! Besuchen Sie uns auf unserer Webseite und lassen Sie sich von uns beraten . Wir freuen uns auf Sie! 921894

    Rispondi
  • 18/07/2021 in 17:08
    Permalink

    最高のダッチワイフはあなたを瞬間から引き離さない人形です、最高の現実的なダッチワイフはあなたがあなたの空想を生き生きとあなたの想像力を刺激することを可能にするものです piperdoll https://yourdoll.jp/product-tag/piper-doll/

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *