BARCELLONA-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

di Diego ANGELINO   Il giorno successivo la rabbia per le modalità con cui la sconfitta è maturata, e per le dimensioni, non accenna scemare.

Di Francesco, col materiale che ha disposizione, aveva preparato perfettamente una partita indirizzata dai tuoi errori e da quelli “fisiologici” dell’arbitro: i fischietti, storicamente, tendono non intralciare il percorso in Champions delle due corazzate spagnole, anzi.

Il tecnico giallorosso sceglie Peres (forse la miglior prestazione da quando è Roma) terzino destro, con davanti per coprire una assaltata dalle scorribande di Jordi Alba e Iniesta.

In mezzo al campo, con De qualche dietro, ci sono e Pellegrini: il primo riesce esprimere tutta la propria intelligenza tattica, trovandosi sempre al posto giusto nel momento giusto; il secondo gioca senza timori reverenziali, inserendosi con frequenza e non dando mai l’idea che il pallone “scotti” quando lo ha tra i piedi.

Dopo 37’ di controllo dell’avversario, anche con un po’ di fortuna ( di Rakitic) e con qualche potenziale opportunità al solito non concretizzata dalla Roma, basta un errore in uscita e arriva l’incredibile autogol di De Rossi, di nuovo protagonista in negativo dopo “l’assist” a in -Napoli.

Nella i giallorossi hanno subito la possibilità di pareggiare, ma il colpo di testa di Perotti, ben servito da Florenzi, finisce malamente lato. Dagli sviluppi di un calcio d’angolo però, ecco il raddoppio dei padroni di casa, con l’autorete di Manolas, che provoca nella il primo vero scollamento. Arriva infatti subito dopo il 3-0 di Piqué, in contropiede, con la di Di Francesco sbilanciata alla ricerca di una segnatura quando mancava ancora più di mezz’ora alla fine.

Entrato per Pellegrini (perché non per De Rossi?), la gara vive una fase di stanca interrotta dal buon impatto sulla gara di El Shaarawy, largo destra al posto di Florenzi. Proprio da una palla recuperata dal Faraone, dopo un eccesso di sicurezza di ter Stegen, Defrel, appena entrato, riesce farsi ipnotizzare dal tedesco con la porta praticamente spalancata.

però è viva: Perotti entra finalmente in partita, prima impegnando ter Stegen con un bel destro, poi trovando l’ per Džeko, che realizza un che sarebbe importantissimo per mantenere una fiammella di in vista del ritorno.

Purtroppo, nella serata degli autogol e dei regali, non può mancare “l’assist” di per Suarez che trova contro la Roma, manco dirlo, la sua prima rete in Champions di quest’anno.

Il 4-1 finale, meno di veri e propri miracoli, chiude ogni per il ritorno dove comunque dovrà onorare l’impegno e lo pieno, cercando in tutti i modi di fare un risultato positivo. Per i processi ci sarà tempo al momento giusto.

 

10 thoughts on “BARCELLONA-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *