RIVISTA LA ROMA – Schegge di memoria: Davide ASTORI

La partita contro la sarà un momento speciale per tutte e due le tifoserie, e la mente andrà sicuramente per un momento al calciatore ma soprattutto all’uomo Davide Astori. Il Prof. Paolo nella sua rubrica “Schegge di memoria” di questo mese rende tributo quel giocatore che con il suo sorriso ha regalato un ricordo indelebile tutti i tifosi, non solo quelli delle sue squadre.

Come sempre per i nostri digitali, un piccolo assaggio… Vi aspettiamo in edicola!!!


LA 365 – MARZO 2018
DAVIDE ASTORI: I capitani non muoiono mai…
di Paolo

La scomparsa di Davide è stata una tragedia che ha colpito l’intero mondo del calcio. Un giocatore elegante ma, soprattutto, un ragazzo capace di farsi apprezzare dovunque per le sue riconosciute doti umane.

Restano in pochi, intorno allo stadio, quando più di un’ora è trascorsa dal termine della partita. Restano in pochi e sono quasi sempre gli stessi. Sono ancora di meno al termine di una partita in notturna; specialmente d’inverno, quando l’umidità che sale dal Tevere riesce infilarsi sotto i giacconi e i piumini, lasciando nelle ossa voglia di bevande calde e di coperte spesse. Gruppetti sparsi di che si scambiano le ultime impressioni, dopo aver sentito le parole dei due allenatori e prima di andarsene in uno di quei ristoranti che restano aperti fino tarda ora; tifosi che battono i piedi in attesa dell’uscita dei giocatori, che alla spicciolata lasciano lo bordo dei loro suv pachidermici o delle basse fuoriserie.

Ultimamente sono sempre gentili, con i tifosi; non escono sgommando per fuggire al timido assedio: procedono lentamente e abbassano il vetro per scarabocchiare un taccuino, o per mettersi in posa assieme chi vuole un con uno dei suoi idoli. Una sera usciva piedi, Davide Astori; era una sera del suo anno trascorso in maglia giallorossa, sotto la tecnica di Garcia. Gli si avvicinò un tifoso, tra gli altri: un ragazzino che avrà avuto tredici anni al massimo. Pur nella foschia invernale che avvolge tutti i viali attorno all’Olimpico, gli si indovinavano guance paonazze, per l’emozione. Nulla di inconsueto, peraltro. Il fatto è che ancora più imbarazzato e intimidito, sembrava lo stesso Astori: con l’aria di chi ogni volta si sorprende della fama che lo circonda, del fatto che più di qualcuno si fermi aspettarlo al freddo, più di un’ora dal termine di un match. Perché ancora oggi esistono – ora ci piace particolarmente usare un verbo che si è sottratto al trascorrere del tempo – giocatori che non hanno mai smesso di appartenere alla sponda opposta della passione calcistica; di frequentare l’altra riva del fiume: quella più affollata, dove stanno assiepati tutti quelli che hanno soltanto sognato di diventare calciatori, che fanno i sacrifici per permettersi un biglietto, che hanno bisogno di qualche giorno per smaltire la delusione di una sconfitta.

(…)


Per leggere il resto dall’articolo, corri in edicola… Oppure acquista ONLINE la rivista e ricevila casa senza costi aggiuntivi. Perché… chi la ROMA, legge LA ROMA!!!


 

 

3 thoughts on “RIVISTA LA ROMA – Schegge di memoria: Davide ASTORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *