EDICOLA. Sogno finale

IL MESSAGGERO (M. Caputi) – Neanche il più inguaribile degli ottimisti avrebbe mai pronosticato un momento come questo. Immaginare che sarebbe arrivata giocarsi l’accesso alla di Champions poteva essere solo un sogno che invece, gara dopo gara, si è tramutato in una splendida realtà. Il 5 2 nell’andata di restringe pesantemente il campo delle possibilità giallorosse ma, come ripete da Di Francesco, bisogna assolutamente crederci, in maniera forte e convinta, fino all’ultimo.

Ci devono credere per primi i e altrettanto i tifosi: il loro sostegno sarà fondamentale. L’Olimpico dovrà essere un tutt’uno con i giocatori in campo, in un tripudio di colori, voci e cuori giallorossi. è chiamata un’impresa, l’ennesima dopo quella storica realizzata con il Barcellona. Quella è stata praticamente una perfetta, nulla toglie che possa essere ripetuta, ne ha la forza e le potenzialità.

Del resto, non si arriva questo per caso o buona sorte: il cammino è stato arduo, per alcuni era addirittura proibitivo, partire dal girone, passando per lo e quindi al confronto “impossibile” contro e compagni. La di Di Francesco, con il suo gioco moderno, intenso e offensivo, in pieno stile europeo, si è costruita i successi che l’hanno portata alle porte della finale, guadagnandosi rispetto e credibilità internazionale. I Reds, con

in testa, ne hanno coscienza, pur forti del cospicuo vantaggio. Qualunque sarà l’esito della sfida contro il Liverpool, ha già posto solide basi sulle quali poggiare le proprie ambizioni e il prossimo futuro. Già oggi meriterebbe complimenti incondizionati per quanto realizzato. Meglio non precorrere i tempi, ci sono ancora 90 da giocare, il sogno non si è ancora interrotto, aspettiamone il perché bisogna crederci.

7 thoughts on “EDICOLA. Sogno finale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.