EDICOLA. Udienza a Liverpool: i due tifosi rimangono in prigione

IL TEMPO – Filippo e Daniele resteranno in cella. È questa la decisione che i giudici di hanno preso ieri mattina. I due ultras della sono in carcere dallo scorso aprile, quando vennero fermati in seguito ai violenti avvenuti ridosso della di andata di League. I due erano stati accusati di aver aggredito un tifoso della inglese, Sean Cox, ricoverato ancora al Walton Hospital causa di gravi danni celebrali.

Adesso invece il 21enne Filippo è indagato per «lesioni gravissime», mentre il 29enne Daniele Sciuto dovrà difendersi dall’accusa di «violent disorder» Si tratta di un reato istituito dalla Thatcher. L’udienza preliminare è durata circa un’ora e e hanno assistito davanti ai monitor del penitenziario di Preston, mentre i legali inglesi dei due romanisti, Gurden e Nigel Power (in i due sono assistiti dall’avvocato Contucci), hanno difeso i ragazzi davanti al giudice Alan Conrad.

aprire le danze è stato l’avvocato di Filippo Lombardi, che ha respinto in toto le accuse, dichiarando il suo assistito non colpevole per l’aggressione Sean Cox. Differentemente dal coimputato Daniele ha ammesso solo di aver partecipato ai tafferugli del pre-partita. Così il suo legale ha spiegato che «le ricerche svolte indicano un carattere impeccabile dell’assistito» e ha chiesto una sentenza separata da quella di Lombardi. Strategie diverse, ma entrambi resteranno in cella fino al prossimo 8 ottobre, data in cui inizierà il nei confronti di e il giudice emetterà una sentenza che segnerà il futuro di Sciusco. Solo dopo quella data i rispettivi legali potranno fare per permettere ai propri assistiti di lasciare il penitenziario di Preston.

8 thoughts on “EDICOLA. Udienza a Liverpool: i due tifosi rimangono in prigione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *