NAINGGOLAN “Io ci credo”

Tutte le parole di Radja alla vigilia di -Liverpool.

Qual è il primo aspetto che non è andato Anfield?

“Nell’andata si è visto, loro hanno fatto la differenza in dove hanno dei calcatori importanti. Noi non siamo stati concentrati per tutti i 90 minuti. In queste partite ti fanno male nel momento in cui non stai sul pezzo. Bisogna dare il massimo per 95 per cercare di ribaltare il risultato”.

Questa semifinale ti dà voglia di rimanere ancora qui nel futuro?

“È stato un percorso bellissimo, speriamo che vada avanti. Io ci credo, del futuro non ne parlo, siamo concentrati sugli obiettivi da raggiungere. Meglio parlare della non del futuro”.

Come descriveresti la difficoltà di raggiungere la qualificazione domani?

“Sappiamo tutti che sarà difficile, lo era con il Barcellona e lo abbiamo fatto. Dobbiamo credere di poterci riuscire. Sarà più difficile rispetto al perché il è più forte fisicamente. L’unica cosa che possiamo fare è provare segnare tre gol, concedendo il meno possibile al Liverpool”.

Dopo -Roma, nonostante il 41 hai dichiarato di non aver visto differenza tra le due squadre. Contro il hai avuto la stessa sensazione?

“Secondo me sono stati solo più continui rispetto noi. Ci sono stati momenti della gara in cui abbiamo fatto bene, ma non siamo riusciti farlo per 90 minuti. eravamo stati più continui e il risultato era stato bugiardo. abbiamo segnato due alla fine che ci danno speranza di poter andare avanti. Oggi siamo tutti consapevoli che quello che è successo non dovrà succedere ancora qui”.

Rispetto alla scorsa hai segnato meno ma hai fatto più assist: ti piace il tuo nuovo ruolo? E in ancora non hai segnato: è arrivato il momento?

“Sicuramente sono un tipo di giocatore che non vive per il gol. Fa piacere segnare ma conta più il risultato finale. Se ho fatto più ho reso felici altri giocatori. Rispetto allo scorso anno è tutto diverso, anche la filosofia di gioco ma sono contento, do sempre il massimo di me stesso. In non ho mai segnato? Vedremo domani, comunque non è il mio anno”.

Tu nel momento di blackout dell’andata sei sembrato il più lucido: cosa è successo alla secondo te?

“Non lo so, forse un po’ di emozione per la prima semifinale. Siamo partiti bene, poi abbiamo preso il e il 20 appena prima dell’intervallo. Io non entro nelle teste di tutti i giocatori, ma penso che dopo l’andata siamo tutti consapevoli degli errori commessi. Dobbiamo migliorare tante cose, fare meglio e per tutta la partita”.

Contro il tutta parte i tifosi della si sono emozionati e hanno fatto il per voi. Ti ha fatto piacere?

“Credo che non c’entri il fatto che fossimo una italiana. Quando una fa un’impresa del genere tutto il mondo ti vede con occhi diversi. La sportività tra squadre italiane ci deve essere, fa piacere, la responsabilità la sentiamo. Si sa che sarà difficile, se ci riusciremo di nuovo riceveremo tanti complimenti, se non ci riusciremo avremmo comunque fatto un bel percorso”.

Questa semifinale è la definitiva conferma della tua scelta di rimanere Roma?

“Non ho scelto di rimanere perché sapevo che sarei arrivato in semifinale. Sono rimasto perché vincere qua sarebbe indimenticabile. Sono fatto così, preferisco sempre la strada meno semplice. Ci saranno altri anni, dove sto bene non voglio andarmene, sono fatto così”.

(fonte: .COM)

4 thoughts on “NAINGGOLAN “Io ci credo”

Rispondi a Susann Ebron Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.