EDICOLA. Luca e Steven, chiamatele emozioni

DELLO SPORT – Tenera è la notte in cui la ritrova il terzo posto. In vetrina ci va l’esordiente dal primo minuto, ovvero Luca Pellegrini, 19 anni: «Diciamo che l’esordio è un momento un po’ speciale per tutti – ammette - Sono felice per questa e sono molto contento, perché so quanto ho lavorato per fare questo. Mi hanno aiutato un po’ tutti. Siamo quasi una famiglia, tutti mi hanno dato dei consigli».

La testa torna al grave della scorsa che lo ha rallentato. «Quelli sono stati periodi difficili, però, ti aiutano molto, riescono farti capire quanto sei veramente forte, soprattutto di testa, perché per me è soprattutto una cosa mentale» E a Kolarov. «Sto cercando di rubare da lui giorno dopo giorno in allenamento, anche con gli occhi, in ogni minima cosa».

Poi Nzonzi, alla prima rete in giallorosso per una cooperativa già quota 12 stagionale. «Fa piacere aver segnato, ma è ancora migliore la vittoria – dice il francese - L’intesa con De Rossi, poi, va molto bene. Daniele mi aiuta molto e parla molto con me. Ora poi sto meglio e spero di continuare ancora crescere, perché non sono ancora al massimo, ma sto lavorando».

 

8 thoughts on “EDICOLA. Luca e Steven, chiamatele emozioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *