DI FRANCESCO “Dobbiamo credere nei nostri mezzi”

Ecco le parole di Eusebio nella conferenza alla vigilia di -Roma.

Schiererà una più cauta, con Florenzi alto, oppure penserà ad andare subito all’attacco?
“Al di là della presenza di Florenzi alto o basso, non è la formazione fare la differenza sul piano dell’aggressività. Ritengo che si possa optare per tutte le opzioni, ma non deve cambiare mai la nostra mentalità. Dobbiamo essere bravi impattare sulla gara, per poi capire in corso quali sono le situazioni da dover cambiare. Serve sempre il desiderio i poter far male agli avversari”.

LIVE: La conferenza stampa di @MisterDiFra e @EdDzeko ‏in vista di #CSKARoma

LIVE: la di Eusebio e Edin DzekoLIVE: Press conference ahead of Moscow v Roma

Pubblicato da AS Roma su Martedì 6 novembre 2018

C’è una rivalsa per voi rispetto alla di Firenze?
“Credo che le immagini di parlino chiaro. Abbiamo preso un di rigore che non c’era e questo ha condizionato un po’ la squadra. Dobbiamo migliorare proprio su questo: non fermarci agli episodi. Dovevamo reagire ugualmente e abbiamo aspettato troppo per ricominciare giocare. Nella prima mezz’ora eravamo in dominio della gara, si poteva anche andare vincerla. Ci accade spesso, con la anche avevamo avuto diverse occasioni favore e dopo il loro non abbiamo reagito nel modo giusto. Dobbiamo migliorare. Per diventare grandi e crescere serve far meglio durante la partita, non fermarci alle proteste e pensare giocare”.

Che lavoro state facendo in questo periodo?
“Il nostro lavoro sta continuando, in ci mancano 27 partite da giocare. Dobbiamo dimostrare anche domani il nostro buon cammino in Champions. È un’occasione per far capire tutti che siamo presenti. Questa si sta vedendo nel miglioramento fisico e nel sistema di gioco. Insisto sulla continuità, grandi squadre che vincono all’ultimo minuto lo fanno per mentalità. Dobbiamo essere bravi credere nei nostri mezzi che sono importanti, senza fermarci ai piccoli episodi. Questo è un aspetto mentale fondamentale”.

Le dichiarazioni di Paulo Sosa, che si è detto molto interessato alla Roma, le hanno dato fastidio?
“Non mi interessano le dichiarazioni di Paulo Sosa, me le hanno riferite. Ho altre cose cui pensare, molto più importanti: e cioè di domani. Sta ai media capire se è stato indelicato o meno”.

ci sono stati diversi cambiamenti da inizio stagione: qual è il motivo?
“Vedevo che facevamo difficoltà creare pressioni o ad avvicinare giocatori Edin, ci appiattivamo troppo e c’era difficoltà ripartire. Abbiamo migliorato dei meccanismi, Pellegrini per esempio ha fatto molto bene Firenze, creando triangoli offensivi: al Franchi siamo usciti bene dalle pressioni della e così vicino Dzeko c’è un giocatore più vicino, permettendo al nostro attaccante di svariare di più nel corso della partita: e a lui questo piace. Speriamo che tutto questo lo a fare qualche in più non solo in Champions, ma anche in Campionato”.

Cambierà qualcosa in attacco con il ritorno tra i pali di Igor Akinfeev, che era assente all’Olimpico?
“Lui sa giocare bene anche con i piedi e sa far partire bene l’azione. Gli attaccanti li metto in base alle mie esigenze e alle scelte di questa gara, non sarà il avversario farmi cambiare idea”.

Oltre al freddo, quali sono le insidie principali della di domani?
“Siamo arrivati un giorno prima di proposito, per adattarci questo clima. Per le insidie della partita, invece, credo che loro siano molto bravi con i due trequartisti e con l’attaccante ad allungare la squadra. Hanno giocatori di qualità, sono pericolosi e lo hanno dimostrato contro il Real Madrid. Noi, però, dobbiamo giocare ancora meglio rispetto Roma, dobbiamo impattare sulla gara dai primi minuti. Loro sono stati molto aggressivi con il Madrid, soprattutto nei primi minuti, trovando il gol. Dobbiamo aspettarci questo atteggiamento anche con noi, perché ci sarà un gran pubblico”.

Domani è la serata giusta per Kluivert?
“Non ho mai avuto paura buttare dentro i giovani. Justin potrebbe giocare dall’inizio e non dovete meravigliarvi se lo schiererò”.

Ci si abitua mai questi momenti di alti e bassi che vivete?
“Viviamo di alti e di bassi in questa stagione, vorrei riabituarmi in maniera differente. Ma dobbiamo continuare credere ni quello che proponiamo, portare casa risultati importanti. Edin ha parlato di Schick, sottolineando che un potrebbe cambiare la dinamica di un calciatore e per una è uguale: una vittoria potrebbe ridarci fiducia. Ci siamo andati vicino, vedi Napoli. I risultati ci aiuteranno risalire la china. Per il mio lavoro sono sereno e il mio primo pensiero è preparare la di domani”.

 

 

7 thoughts on “DI FRANCESCO “Dobbiamo credere nei nostri mezzi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *