Micki tuttofare, la sua prima rete è un dettaglio

(IL MESSAGGERO, Ferretti) «E’ arrivato l’armeno che va come un treno», cantava la gente con una tatuata sul cuore avvicinandosi all’Olimpico. Oppure, voce più o meno bassa: «Armeno uno bravo lo abbiamo preso» L’approdo nella di Henrikh Mkhitaryan, detto Micki, non è passato inosservato. E ci mancava pure che qualcuno snobbasse la calata in di un artista con il suo talento pallonaro.

Ecco perché c’era grande curiosità per vederlo in azione contro il Sassuolo. Bilancio? Basta dare un’occhiata al risultato, al tabellino dei marcatori e ai numeri del suo per lasciarsi andare un applauso. Un impatto violento, ma dolcissimo. Micki piazzato sulla sinistra, tra  e , e partita chiusa dopo poco più di mezzora.  dominante, come ricordare Paulo , prima degli errori sotto porta, dei e delle amnesie della ripresa.

MURO FRANCESE – S’era sperato durante la lunga che alla del campionato si potesse vedere un’altra  in virtù degli innesti degli ultimissimi arrivati, Micki su tutti. Non solo lui, però: Veretout anche, aspettando  Tenace e spigoloso, il francese, nella sua opera di contenimento. Ebbene, la partita contro il ha confermato che quella vista fino al non era, poteva essere la vera  Questione di uomini, soprattutto. E pure di gioco.

Non può essere stato solo un caso, insomma, che la di  ieri abbia giocato pallone in maniera così sciolta e segnato così tanto in poco più di trenta proprio quando ha avuto in campo uno come Micki. Maestro nel fare le cose semplici. O, per meglio dire, uno che sa rendere apparentemente semplice ogni tipo di giocata. Il , firmato con un sinistro perfido e letale pochi centimetri dal corpo di Consigli, rappresenta forse la cosa meno significativa della sua partita.

noi, esempio, piace ricordare una copertura difensiva vincente dell’armeno nel primo tempo su Berardi, con la in 10 per la momentanea assenza di Kolarov. Una giocata da universal man, tanto per spiegarci. E non necessariamente di maniera sono apparsi gli abbracci che i compagni hanno regalato Micki dopo il e, al fischio finale, pure  Veretout Questo perché loro, i calciatori, sanno alla perfezione se e quando arriva un nuovo compagno con una marcia in più. Sa, la Roma, che con Veretout la è più tosta e che con Micki è aumentato il tasso di qualità e di esperienza. Ora, però, serve registrare meglio la difesa. , dove sei?

11 thoughts on “Micki tuttofare, la sua prima rete è un dettaglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *