Pallotta esce di scena: la Roma è di Friedkin

(IL MESSAGGERO) James esce di scena e vende tutta la sua quota, l’82,1% della a Friedkin. L’accordo è stato raggiunto dopo una videoconferenza tra i due nella giornata di ieri e il prezzo si aggira sui 790 milioni, al lordo dei 272 di rinegoziati attraverso un bond sette anni con Goldman Sachs. Durante il colloquio sarebbe uscito il passo indietro del bostoniano, anche se durante gli ultimi contatti fra i consulenti non si sia raggiunto l’accordo sul prezzo dell’opzione di vendita (put in gergo finanziario) che sarebbe rimasto incollato alla quota del 10-15% in mano al venditore. Dal prezzo finale ci sono da detrarre il ripagamento del bond e l’aumento di da 1 milioni di euro.

capitalizza 4 milioni in piazza Affari e dovrà lanciare l’opa sul 17,9% flottante. Ora entrano in campo i legali per la definizione dei contrattuali. Questi legali dovrebbero decidere anche quando emettere il comunicato, anche se la Consob, in mattinata, potrebbe chiedere alla di fare chiarezza sull’esito delle trattative. Non rientra la costruzione dello di in cui i terreni sono oggetto di una trattativa con Cpi del magnate ceco Vitek. Acquistando la Roma, diventa il terzo più ricco di un italiano dopo e Zhang.

4 thoughts on “Pallotta esce di scena: la Roma è di Friedkin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *