ROMA-JUVENTUS. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

Peggio di così questo 2020 non poteva iniziare.

Mi perdonerete, ma se una sconfitta bruciante è sempre emendabile, all’infortunio del miglior talento italiano è difficile porre rimedio.

Da Rocca a Zaniolo, da Ancelotti a Totti, da Emerson a Florenzi passando per Strootman e tanti altri: una maledizione cui ieri si aggiunge un nuovo capitolo. Arricchito, a mio avviso, da un campo di certo rovinato da chi ha ci ha giocato appena 24 ore prima: non si vedono di certo tutte le domeniche due giocatori cui saltano i crociati.

Non è campanilismo ma semplice constatazione della realtà. Una realtà che, in questo caso, tocca anche la Juve.

Veniamo alla partita: primo tempo di rara noia e di errori madornali che la indirizzano. Ma come, mister Fonseca, ieri c’era una “grande”: possibile la squadra non fosse concentrata?

Se lo 0-1 segna l’ennesimo errore difensivo di Kolarov, lo 0-2 è figlio della presunzione calcistica voluta dal tecnico. “Costruiamo dal basso”, si dice: ma, con il dovuto rispetto, non ci sono Piquè, Busquets, Xavi e Iniesta ad iniziare l’azione. E questo, con una squadra forte, lo paghi.

Il primo tempo si arena su un cross di Florenzi smanacciato dal numero 1 juventino e non finalizzato da Pellegrini: serata di superfluo fioretto, per il 7 romanista, in una gara che richiede sempre la clava.

Dall’altro lato la Juventus gigioneggia: di “Sarrismo”, c’è poco o nulla; basterà ai bianconeri il pilota automatico della qualità a consacrarli di nuovo Campioni d’Italia?

La ripresa vede la Roma provare a raddrizzare una partita che i bianconeri di Conte o Allegri avrebbero già chiuso.

Dzeko si ricorda la sua caratura internazionale e il fatto che non sia possibile abbia segnato meno di Ciccio Caputo: gran giocata sull’assist di Florenzi ma c’è il palo.

Il rigore era palese in diretta, ma Guida ha bisogno del VAR per dare il LA al 2-1 di Perotti. C’è tempo per pareggiare ma si continua con errori di misura e, forse, di paura.

Al giro di boa la Roma si trova sopra a dove pensassi, non avendo pronosticato ad inizio stagione i problemi del Napoli. Da domenica inizia il campionato di “clausura”, nel quale i giallorossi non potranno contare sul loro miglior giocatore e, probabilmente, su un mercato all’altezza del momento difficile.

(Rubrica di Diego ANGELINO)

20 pensieri riguardo “ROMA-JUVENTUS. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

  • Angela Desè
    13/01/2020 in 19:46
    Permalink

    Due tiri in porta due gol subiti mi chiedo la Roma c’è la un portiere ? Sia Monchi che Petracchi non hanno saputo comprare un portiere decente questo che abbiamo non mi sembra meglio di Olsen

    Rispondi
  • Stefano Socci
    13/01/2020 in 19:56
    Permalink

    io trovo che per far questo tipo di gioco devi avere una squadra adatta , l´ha fatto il barcellona e l´ha fatto molto bene anche il Bayern, ma qui parliamo di colossi , a noi ci riesce spesso male , perché non abbiamo i giocatori per farlo e perché corriamo poco ….

    Rispondi
    • Mariano Colucci
      13/01/2020 in 21:50
      Permalink

      Emiliano t’ho capito, ma Kolarov ha perso per l’ennesima volta la marcatura, e la deviazione è talmente tanto impercettibile che, seppur la tocchi, con un migliore piazzamento quell’altro la prende

      Rispondi
    • Emiliano Cerbo
      13/01/2020 in 21:55
      Permalink

      Mariano Colucci so daccordo co te,ma fidate che il centrale la deve legge mejo na palla der genere,poi che kolarov ne’ bono a difenne o sapemo tutti

      Rispondi
  • Alessandro Calcagno
    13/01/2020 in 20:46
    Permalink

    Ma soprattutto un giorno se vorremmo presenta in Champions o da qualche parte col duo Petrachi&desanctis…?
    Poi c’è meravigliamo che non vincemo mai..

    Rispondi
  • Gianluca Giglio
    13/01/2020 in 21:53
    Permalink

    Che colpa ha Fonseca se Pau Lopez fa un passaggio suicida???? Gli ha forse puntato la pistola per fargli fare quel passaggio???

    Rispondi
  • Luca Lanzetti
    13/01/2020 in 22:28
    Permalink

    Concordo al 100%.
    Quella di non buttare mai via la palla è una mania. Ci sono frangenti di gioco in cui si deve calciare lontano.

    Rispondi
  • Fabio La Marra
    13/01/2020 in 22:51
    Permalink

    Io credo nel gioco di Fonseca sonoi calciatori che si devono svegliare Pellegrini ha sbagliato nettamente le 2 partite del nuovo anno ma come lui molti altri manca dannatamente kluivert ma poi perché non mettono Florenzi incursore alla Perrotta per me uno da 10/12 gol a campionato

    Rispondi
  • Genny Romano
    14/01/2020 in 14:17
    Permalink

    A fenomeni con questo cosa volete dire, mettere in discussione l’ unica cosa buona che abbiamo il tecnico?. Grazie a lui abbiamo gli stessi punti dell’ Atlanta.😂😂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *