Rivoluzione impossibile

(IL MESSAGGERO) Dovevano essere i del cambiamento in casa Roma, si stanno invece trasformando in quelli della Restaurazione. Il passaggio di proprietà tra e Pallotta, ora in stand-by, aveva messo in bilico anche le posizioni del vice e del Petrachi. Ma anche Fonseca, eliminato dalla Coppa e lontano dalla zona era finito sotto esame. L’unico al sicuro, appariva (e appare) il Fienga. Lo stop all’attività agonistica, i dubbi sulla più il danno economico, hanno però bloccato le scelte strategiche di medio-lungo periodo.

E così proseguirà così il lavoro sul tema-stadio, sarà confermato e anche dovrebbe avere una seconda chance. Considerando che quando si ripartirà, si proverà dare continuità al lavoro svolto sinora, evitando le spese inutili (il contratto del scade nel 2022), le quotazioni dell’attuale sono in rialzo. Si lavora già su un’asse caldissimo con la Juventus: uno scambio tra e Mandragora, ipervalutando entrambi i cartellini una trentina di milioni.

One thought on “Rivoluzione impossibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *