MILAN-ROMA. A PRIMA VISTA… di Paolo MARCACCI

Non è tanto il caldo: è l’umidità quella che te frega. Dicevano così le nostre nonne; lo stesso pensavano gli avi di Paulo e Pioli, che nelle conferenze della vigilia erano stati entrambi chiari circa le difficoltà ambientali dovute alle temperature, peraltro aumentare dal momento di forma molto sui generis di tutta la A. 

Una cosa era chiara ancora prima del fischio iniziale di Giacomelli, almeno potenzialmente: sia da una parte che dall’altra non mancavano i solisti, per caratterizzare e risultato. 

Spinazzola in luogo di Kolarov, decisione sacrosanta; paga anche Diawara, beneficio di Veretout; far coppia con oggi c’è Mancini; dal primo minuto, così come – ovviamente – Pellegrini. 

La gara inizia con una confusionaria densità all’altezza della linea mediana: quasi un battimuro alla cieca, complice forse anche lo scorrimento veloce della palla sull’erba fradicia. Col passare dei minuti, è riempire là trequarti del Milan, che appare imballato e rinunciatario. Bene destra e Spinazzola sinistra; dà l’impressione di potersi accendere negli ultimi venti metri. 

Evitabile, ancora una volta, il giallo rimediato da Pellegrini: entrata plateale e tardiva. 

Produce molto, livello di pressione, la di Fonseca; l’occasione nitida però è essenzialmente una, con di testa. Sempre di testa pareggia il conto delle occasioni Calhanoglu. 

Primo tempo in archivio con un che, se fossimo nel mezzo di un incontro di boxe, non ci darebbe il minimo dubbio circa l’esito. Invece è una di e  nella seconda parte possono pesare i solisti e gli episodi positivi da loro provocati. Stiamo vedere. 

Secondo tempo diverso, con più soprattutto perché meno lucida è la Roma; più lenta e meno precisa. Complessivamente comincia prevalere la confusione, braccetto con la stanchezza. Peccato che un errore grave di in alleggerimento – stile Diawara – all’azione rocambolesca del vantaggio rossonero firmato da Rebic.

Finisce lì la Roma, con l’aggravante del raddoppio milanista, su di Calhanoglu procurato da un errore di provocato anche stavolta da un tocco all’indietro di Diawara, entrato nel frattempo. 

Se l’ dovesse battere l’Udinese, il prosieguo del sarà una via crucis. 

9 thoughts on “MILAN-ROMA. A PRIMA VISTA… di Paolo MARCACCI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *