Roma, roulette giallorossa

(IL MESSAGGERO) 115 dopo torna in campo. Avversaria la coinvolta nella zona retrocessione e guidata dall’ex Ranieri. Dopo lo stop del campionato, è d’attualità lo spettro del ridimensionamento. Perché se adesso il 4° posto è di nuovo lontano 6 punti e per prenderselo i giallorossi dovranno farne 7 più dell’Atalanta, la debitoria è precipitata, sfiorando i 300 milioni (ieri chiesto nuovo da 6 milioni per pagare gli stipendi ai dipendenti) Come se non bastasse ha rifiutato l’ultima offerta di Friedkin, sceso 575 milioni di euro, e la tifoseria ha esaurito la pazienza, cominciando la protesta oltranza per spingere l’attuale presidente, e lo tiene ancora galla, farsi da parte.

La partecipazione alla sarebbe, dunque, l’unica exit strategy. e si incamminano da soli verso la meta. Il è invece spaccato, pure logisticamente: resta oltreoceano, il management italiano è ‘separato in casa’, il ceo al potere e il vicepresidente all’opposizione, il consulente appare in ogni luogo, da Città del Capo e nella sua Reggello, perlustrando il e non esclusivamente quello dei giocatori e dedicandosi pure all’ingresso di nuovi per la sopravvivenza dell’attuale proprietà.

7 thoughts on “Roma, roulette giallorossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *