La Roma è bella ma non basta

(IL MESSAGGERO) si tiene stretta la panchina della nella notte in cui mette all’angolo Pirlo. Il 22 non premia i giallorossi migliori nella strategia e nelle occasioni da gol. I possono essere soddisfatti della risposta del tecnico. Il portoghese si presenta con coraggio davanti ai d’ e fa bene. Non torna indietro rispetto alla della vigilia. Il tandem Pellegirni- funziona: pressing e costruzione. Dall’altra parte mette un 35-2 camaleontico con Cuadrado e Kulusevski altissimi ai lati. La è più aggressiva e sa essere pericolosa quando parte. combatte, Mkhitaryan è ispirato ma si perde sul più bello calciando addosso Szczesny. Inutile il 61% di possesso palla con cui la chiude il primo tempo visto che quando si sbilancia rischia grosso. Dal piede di passa il del vantaggio della con che arriva al tiro e Rabiot colpisce col braccio. del francese su rigore. Prima dell’intervallo altro penalty, questa volta per mano di Pellegrini. di Ronaldo. Nel di tempo contropiede fulmineo della condotto alla perfezione da Dzeko, Miki e che insacca ancora. Nella il bosniaco ha due grandi chance per chiudere i ma nella prima scheggia il palo, nella seconda tira centrale. Da lì poco il colpo di testa di Ronaldo che fissa il 22.

One thought on “La Roma è bella ma non basta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *