Dzeko guarda avanti

(IL TEMPO) Vederlo segnare non è una notizia. Vederlo esultare di rabbia come ha fatto domenica dopo il primo gol al Benevento un po’ di più. Ne ha fatti due, salendo a quota 108 marcature in giallorosso. Non un passaggio banale dopo le prime tre partite a secco e dopo la mancata cessione per un soffio alla Juventus. La Roma avrebbe incassato 16 milioni di euro e risparmiato sull’ingaggio del bosniaco di circa 7 milioni e mezzo netti a stagione, lo stesso che avrebbe percepito a Torino. Ma la rottura col Napoli ha fatto saltare Milik e di conseguenza la cessione del bosniaco a Torino. Bosniaco che per la terza volta ha dovuto riattaccare una spina già staccata, come successo in precedenza già contro Chelsea ed Inter. E ha dovuto anche chiarire con dopo il litigio di Siviglia. Per il futuro: difficile pensare che la maglia della Roma sia l’ultima che vestirà Edin, che intanto sta pensando ci cambiare procuratore passando da Martina a Lucci, lo stesso che ha curato il passaggio di Kolarov all’Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *