FONSECA “Dobbiamo pensare partita per partita e giocare sempre per vincere”

Al termine della partita vinta contro l’Udinese, il Mister Fonseca ha parlato della partita dei giallorossi. Queste le sue parole ai microfoni di DAZN:

3 punti preziosi, ma su cosa bisogna lavorare nella sosta?
Sapevamo che era una partita difficile. Nel primo tempo abbiamo giocato sempre vicino alla loro area ma l’Udinese ha sempre risposto con dei contrattacchi. Siamo stati meno pericolosi nel momento in cui perdevamo palla o li facevamo uscire dalla loro metà campo ma abbiamo creato buone situazioni. Nel secondo tempo abbiamo segnato e poi abbiamo difeso il risultato. E’ stata una gara difficile

Pedro ha detto che la Roma deve giocare per lo scudetto…
Noi siamo una squadra molto offensiva, a volte abbiamo sbagliato nell’ultimo passaggio ma abbiamo giocato sempre nella loro metà campo. E’ vero che l’Udinese ti obbliga ad abbassarti ma abbiamo vinto sempre sulle seconde palle. Noi dobbiamo pensare partita per partita e giocare sempre per vincere

Questo può essere il ruolo definitivo di Pellegrini?
La squadra sta giocando bene con Pellegrini in questa posizione, vedremo. Pellegrini mi è piaciuto sia oggi che contro la Juve

Ibanez ha fatto una gran partita. Sei sempre sicuro che ti serva Smalling?
Non possiamo rimanere solo con 3 difensori centrali, in questo momento ne abbiamo 3 e abbiamo bisogno di altri giocatori. Ibanez ha fatto un’enorme partita, come successo anche in precedenza, ha fatto una gara bellissima

Serve una rosa più profonda?
Lavoriamo per trovare la profondità, non è facile trovarla contro una squadra che si difende così bassa, ma cerchiamo sempre la profondità. Sul mercato non voglio parlare, abbiamo 48 ore, vediamo

Com’è Pedro?
Un bravo ragazzo. Lavora, è un professionista. Lo abbiamo scelto per questo: ha una professionalità impressionante

Qual è la sua percezione della situazione Covid in Serie A?
Che è un problema che può scoppiare in ogni squadra. Noi abbiamo un protocollo molto rigoroso e lo seguiamo. Credo che in queste situazioni le autorità e la Lega devono decidere cosa è meglio per il calcio

Teme uno stop al campionato?
No

Lascia un commento