Progetto, costi e guai: Tor di Valle frena. Tocca al Flaminio

(GAZZETTA DELLO SPORT) Sempre più in salita il progetto di . Oltre al pignoramento da 1,6 mln sui terreni, i veri nodi della questione sono due. Il primo è politico, visto che la maggioranza, nonostante le promesse della sindaca , non assicura la tenuta per il via libera. Il secondo riguarda la Roma, a cui il progetto non convince più per i costi, per la zona e per la filosofia (pre-Covid) che sottende. Prende quota dunque l’idea di spostare il progetto allo stadio Flaminio, il club gradirebbe un impianto in centro, da ristrutturare in un paio d’anni, con una capienza di 45.000 posti e non spendendo più di 350 milioni, compresi gli scavi per i parcheggi. Possibile? Il Flaminio è di proprietà del , che rischia la causa da parte della Roma per i tanti ritardi. E allora una soluzione potrebbe essere questa: il club rinuncia a chiedere i danni e ottiene dal una concessione dell’impianto per 99 anni. Anche se non sarà una cosa facile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *