Dzeko e la Roma, una storia di gol

(IL MESSAGGERO) Segnando Bologna è diventato il terzo marcatore più prolifico della agganciando Amadei. Un ingresso impensabile quando decollava per andare fare le visite mediche in Svizzera. Tutto sembrava fatto per il passaggio di alla Juventus, ma alla fine si è bloccato tutto. Una “sliding doors” che ha cambiato la storia del bosniaco e quella della Roma. Davanti lui ora c’è Pruzzo 8 e Totti 307, inarrivabile. Per l’occasione la figlia di gli ha dedicato una bellissima lettera: “Papà era un grande romanista. Anche tu non giochi per te stesso: tu giochi per la squadra. Per questo a volte non riesci asegnare tutti i che vorresti. Perchè per ti sacrifichi. Perchè per lei dai tutto. Se ami la Roma, deve sperare che certi vengano battuti“ ha risposto: “Orgoglioso di indossare la giallorossa e di aver raggiunto un simbolo della nostra storia come Amadei“ Il suo contratto scadrà nel 2022 e se ne discuterà appena arriverà Tiago che potrebbe proporgli il e poi un ruolo da dirigente.

5 thoughts on “Dzeko e la Roma, una storia di gol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *