Il bilancio del 2020 della Roma

(IL TEMPO) 7 – Rimette in piedi un anno strano e iniziato malissimo cambiando modulo dopo il lockdown. Dalla la Roma ha una media punti da  e gioca un calcio convincente, nonostante un’ in cui è stato messo in discussione dalla dirigenza. Il podio finale del in campionato è di buon auspicio.

Mkhitaryan 8 – Fuoriclasse, genio, assistman e goleador. L’armeno è l’arma in più della Roma in tutto il 2020, l’anno in cui ha ritrovato l’integrità fisica e rispolverato i colpi che non aveva mai dimenticato. In una parola: insostituibile.

6.5 – Si ritrova a fare il titolare causa disastri di Pau Lopez. Fa tante ottime partite, tra mille acciacchi e qualche errore. Di più non si poteva certo chiedergli.

Santon sv – Gioca troppo poco, per scelta di  e per i soliti problemi fisici.

Bruno  6 – Torna per mancanza di alternative dal prestito, nella sfiducia più totale. E invece convince subito  e diventa una pedina utile. Poi, alla lunga, riemergono i suoi limiti e perde il posto.

Karsdorp 6.5 – Da ceduto a rilanciato, una bella sorpresa di questa prima parte di campionato: finalmente fa vedere con continuità le doti che convinsero la Roma a prenderlo.

 4 – Dovrebbe essere una per i e invece le rare volte che va in campo è per lo più impresentabile.

6.5 – Il primo vero acquisto dell’era Friedkin si dimostra affidabile e di prospettiva.

Jesus 5.5 – Diventa quasi un ex calciatore per poi ricomparire quando si fa turnover. Dignitoso e niente più quando ha giocato.

Smalling 7 – A lungo è stato la colonna difensiva, la Roma lo perde e lo ritrova, anche se la nuova è iniziata con troppi stop.

Mancini 7 – Sembra un veterano, è continuo e ha lo spirito da leader che gli consente di nascondere qualche difetto.

Ibanez 8 – Il talento che sboccia dopo il fino a diventare un gioiello da difendere. Con tanti saluti a Gasperini che lo snobbava.

Spinazzola 7.5 – La mancata cessione all’Inter si è trasformata nella sua rinascita. Ora è uno dei 3 migliori esterni del campionato.

6.5 – L’esordio, un gol bellissimo, il bacio allo stemma. Promette qualità ed emozioni.

6.5 – Il gregario che dove lo metti sta, un esempio di professionalità ed efficienza.

Diawara 5 – Non è mai tornato se stesso dopo il secondo infortunio al ginocchio, adesso è l’ultima carta del mazzo dei mediani.

8 – Ha retto quasi da solo il centrocampo con quei polmoni d’acciaio e si è messo a segnare come fosse un bomber. Senza dimenticare i infallibili: li ha segnati tutti.

Pellegrini 6.5 – Non un anno facile per problemi fisici e critiche, con qualche perla a ricordarci che la classe c’è eccome.

Villar 7.5 – L’altra sorpresa insieme a Ibanez, piano piano è cresciuto e si è preso la regia. Ora guai a chi lo tocca.

sv – Il suo 2020? Tre presenze e più sedute di fisioterapia che allenamenti.

5.5 – Preso per sostituire  e Kluivert, ha finito per fare meno di loro. Pochissimi lampi.

6 – Due crociati rotti in 9 mesi sono una mazzata che ha steso pure un leone come lui. In mezzo era tornato a brillare, ora è finito inghiottito dal gossip. Anno da cancellare.

Pedro 7 – Impatto da campione vero quale è. Ha vinto tutto in carriera e dimostra subito il perché.

6.5 – Un alla prima partita giocata, un gol al debutto da titolare. Il salentino non poteva iniziare meglio.

Dzeko 7 – Il d’acciaio non si piega neanche al Covid: ha messo insieme 16 gol nell’anno solare e trascinato la Roma come sa fare solo lui. Ora è nel podio dei giallorossi. Poteva andar via, un bene che sia ancora qui nonostante qualche tensione con Fonseca.

Borja 5.5 – Non bastano i gol segnati in Europa League (e solo uno in campionato) per lasciare sereno  quando Dzeko deve riposarsi.

Pau Lopez 4 – La sua storia è particolare: dall’errore nel derby in poi è come se avesse dimenticato improvvisamente come si fa il portiere. Tra i peggiori nel disastro di Siviglia, è finito a scaldare la panchina e giocare nella Roma-B in Europa.

7 thoughts on “Il bilancio del 2020 della Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *