Stadio, dalla firma allo stop: otto anni di Tor di Valle

( DELLO SPORT) Oggi saranno passati ben 8 anni da quel 2012, quando, in Florida, l’ex James e il costruttore concludevano un accordo che faceva ipotizzare l’ del nuovo impianto nel 2016.

Si sono succedute tre diverse giunte (Alemanno, e Raggi), il traguardo parrebbe un passo, visto che il Interesse era stato incassato nel 2015 e il sì da parte della dei Servizi nel E anche la è di fatto conclusa. Eppure l’ok del tarda arrivare.

Nel mondo post-Covid, la famiglia ritiene superfluo quel “ park” per che correrebbero il rischio di restare vuoti, costringendola però investire da subito circa 300 milioni per oneri di urbanizzazione, sui 900 complessivi. Se si aggiunge che sull’area pesano pignoramenti e ipoteche e Parnasi (indagato) sia uscito di scena, si capisce come il nuovo non ami il progetto ereditato.

5 thoughts on “Stadio, dalla firma allo stop: otto anni di Tor di Valle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *