PARMA-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

di Diego ANGELINO – Le mie personali preoccupazioni sul match di ieri, sono iniziate sorgere al 94’ di -Parma. Quando, cioè, l’autorete di Iacoponi rimandava, ancora una volta, quel successo che ai ducali mancava da fine novembre.

Le inquietudini sono aumentate quando ho letto la doverosa lettera inviata dalla alla Lega, per chiedere delucidazioni sullo spostamento del recupero Juventus-Napoli.

Sono, infine, diventati concreti timori quando ho visto la formazione scelta da Fonseca che, esattamente come un anno fa, cade contro gli emiliani di D’Aversa, tra l’altro con il medesimo risultato.

Tre difensori giovani, due centrocampisti di cui nessuno intenditore e tre punte, più Spinazzola e Peres: continuo sentire interviste in cui si racconta di aver capito bene il italiano, seguite però da scelte che dimostrano esattamente il contrario.

Certo, dammi il mio dopo 4’: forse non la vinco, ma difficilmente vado perderla. Quell’episodio non può però giustificare il modo imbarazzante in cui la subisce il primo goal: da saltato a la diagonale questa sconosciuta, una galleria degli orrori.

Il Parma, in barba alla moda della costruzione dal basso, gioca col che cerca il centravanti e così trova il che chiude la partita: Pellè, ormai recuperato in velocità e che andrebbe solo accompagnato verso l’esterno, non deve fare altro che attendere l’insopportabile, ingenua irruenza di per farsi sbilanciare e crollare al suolo.

Poco prima il fallito da El Shaarawy, di un nulla: quel che passa tra il valutare positivamente la prova di Dzeko – in quel caso assistman – e dover parlare invece di un lontano dalla migliore condizione.

Male gli altri, da Pedro evanescente, a impreciso, fino Villar sottotono, sebbene gli ultimi due – per me – messi nelle condizioni peggiori per esprimersi.

Entra bene Carles Perez, praticamente l’unico far sporcare i guanti Sepe; se la cava Spinazzola, che senza e rappresenta quasi l’unico sfogo offensivo dei giallorossi; non ha particolari responsabilità Pau Lopez, che però proprio non ce la fa regalarci una gioia quando gli avversari calciano dal dischetto.

Come già visto, tra le altre, con e Livorno (due volte), solo per restare nel XXI secolo, regala punti un avversario con un piede e tre quarti in B. Cade definitivamente la giustificazione del “non battiamo quelle forti, ma tutte le altre sì”: appena un punto, infatti, tra ieri e Benevento, con la che dice sesto posto (mentre scriviamo filtra pessimismo sull’esito del famoso per il di Verona).

7 thoughts on “PARMA-ROMA. “Storia di ieri”, riflessioni del giorno dopo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *