ACCADDE OGGI… 6 maggio. Il giorno che cambiò la nostra storia

Aveva all’incirca la mia stessa età attuale quando nella del 1979 decise che era giunto il momento di cambiar vita. Fu allora che quell’adorabile signora di 52 anni dalle importanti origini e dal presente incerto, stanca di mille disinganni, dimenticò peccati ed indolenze per ripagare il nostro eterno amore e regalarci più dolci orizzonti.

Quel di quarantuno anni fa rappresentò senza discussioni la data della svolta e del riscatto, lo spartiacque tra un interminabile Medioevo e il tanto atteso Rinascimento, il passaggio dal tramonto all’alba, la luce in fondo una galleria che credevamo non avesse uscita. Cosa mai sarebbe stato il nostro futuro se quel giorno, mezz’ora scarsa dalla fine di tutto, sotto un cielo angosciante da giudizio universale che sembrava uno scherzo fuori stagione, la rete avversaria non si fosse gonfiata di rabbia e di gioia in un carico di passione? Il gelo, che col passare dei ci era entrato nelle ossa malgrado un’afa appiccicosa come le vecchie mentine di qualche zia lontana, finalmente si sciolse. Non ho mai dimenticato quel boato, non avrei più sentito nulla di così potente e liberatorio. E poi quell’uscita tutti insieme dallo come non ci accadeva da troppo tempo, raggianti e come sopravvissuti, certi di poter guardare al domani con un nuovo entusiasmo. Di lì in poi, altro che il caso, avremmo triplicato le medaglie che eravamo riusciti appuntarci sul petto. Con ben altra consapevolezza, con un piacere mai provato. Certo, non sarebbero mancati altri periodi per niente memorabili ma quel che una volta era malinconica routine divenne sopportabile eccezione.

Quella fiera signora, che in passato nessuno al di fuori di noi considerava e in molti dileggiavano, indossò splendidamente l’abito della e finì per far girare la testa tutti. E nulla fu più come prima.

(IO CHE AMO SOLO TE, di Alfio Russo – 358)


STAGIONE 1978/1979 – XXIX Giornata
Roma, Olimpico – domenica 1979 (16:00)

ROMA – 22
Reti: 52; Vavassori (aut.), 222; Bertuzzo, 312; Prandelli, 612;

: Conti, Chinellato (462; Ugolotti), Maggiora, Boni, Peccenini, Santarini, De Nadai, Di Bartolomei, Pruzzo, De Sisti,
All.: Valcareggi

: Bodini, Vavassori, Osti, Mastropasqua (282; Mei), Prandelli, Tavola, Marocchino, A., Pircher, Festa, Bertuzzo
All.: Rota

Arbitro: Michelotti
Espulsi: 732; Tavola e per reciproche scorrettezze


1.176 thoughts on “ACCADDE OGGI… 6 maggio. Il giorno che cambiò la nostra storia