DIVAGAZIONI ROMANISTE… Biondo Xhaka

Di Franco è vicina Xhaka e Xhaka è vicino alla . dice che l’affare sta per concludersi e ne siamo felici. Perché per la che ha in mente pensiamo che sia indispensabile l’arrivo del della , prossima avversaria dell’ agli Nella “mourinhana”, infatti, Xhaka dovrebbe essere quel centrocampista di lotta e di governo che garantisce le transizioni e la costruzione delle . Il primo uomo al quale i passano il pallone appena lo hanno riconquistato. Quello che dà il via all’azione offensiva e che detta i tempi di gioco tutti.

Nella Xhaka potrebbe essere quello che era Cambiasso nell’ del triplete, tanto per capirci. Una pedina insostituibile e fondamentale nello scacchiere del tecnico portoghese. Che non caso, prima di pensare al o al centravanti, ha chiesto alla società di prendergli il faro del . L’uomo di classe, grinta, carattere e personalità intorno al quale costruire la sua prima . Xhaka, appunto, che lui ha avuto modo di ammirare da vicino in .

E lo svizzero, furbo ed esperto come è, alla vigilia della di contro l’, in quello che potrebbe diventare il suo nella prossima , si è tinto i capelli diventando biondo platino. Così in mezzo al campo lo si potrà ammirare meglio. Sia nelle cose buone che farà, sia in quelle negative. Perché un calciatore biondo lo noti sempre di più di uno moro. patto, però, che le sue giocate giuste siano superiori quelle sbagliate. Altrimenti la figuraccia diventa più evidente. Ma siamo sicuri che lui, convinto dei propri mezzi come è, questo problema non se lo è neppure posto. Perché il ragazzo ha personalità e carisma da vendere. E poi vuoi mettere: presentarsi sul campo della tua, possibile, futura con i suoi colori addosso (capelli gialli su rossa) non ha prezzo.

Si, siamo proprio convinti che Xhaka, svizzero con origini kosovare (non ditegli albanesi perché altrimenti lo fareste arrabbiare) potrebbe diventare l’uomo più importante della prima Roma di Per questo speriamo che abbia ragione.

6 thoughts on “DIVAGAZIONI ROMANISTE… Biondo Xhaka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *