Roma, troppi nodi per essere Special

(IL MESSAGGERO) Da Jordan che ancora non si è totalmente ripreso – fermo di fatto dal 29 aprile – Gonzalo che come anticipato da ha rimediato un al ginocchio durante il in Algarve, passando per Granit Xhaka che, come sostengono in Inghilterra, potrebbe addirittura rinnovare con l’Arsenal – i giallorossi iniziano guardarsi intorno ed individuano Thomas Delaney come piano B -: i nodi della che sta nascendo vengono al pettine, soprattutto centrocampo.

Intanto la si prepara una nuova con un’avversaria di livello, anche se ancora mancheranno diverse pedine della versione giallorossa 2021/2022: continua allenarsi in isolamento e è atteso nella capitale in mattinata. Ancora lavori in corso, dunque, 19 giorni dall’esordio in Conference e 22 da quello in campionato.

Altri nodi da sciogliere: l’affidabilità di come vice-Karsdorp, quella di per le rotazioni con Vina, e la crescita dei vari leader. Da Mancini, passando per e che va testato anche per giocare sulla fascia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *