Buona la prima

(IL TEMPO) Buona la prima. Soprattutto se è l’inizio di un’avventura tutta nuova. Nuova la competizione, nuovo il tecnico, nuovo il sistema di gioco, nuovi diversi giocatori che avranno bisogno di tempo per inserirsi (anche se ieri i migliori sono stati proprio loro) e nuovo infine il regolamento che da questa cambia il significato delle gare in trasferta. Il diktat di era chiaro: contava solo vincere e il successo è arrivato per dare ossigeno e tempo «sereno» a una che ha bisogno ancora di lavorare: e molto. Contro i turchi del sono bastati i di e il primo ufficiale con la maglia della Roma dell’ex del Shomurodov. Ma è chiaro che in prospettiva futura a questa per decollare servirà molto di più, probabilmente già a partire dalla prima di in programma domenica sera all’Olimpico contro la Fiorentina dove probabilmente esordirà Abraham. Ma questo di Conference andava giocato e soprattutto messo alle spalle, perché l’empasse della vigilia stava facendo salire la pressione un po’ a tutti.

invece l’ha saputa gestire alla sua maniera dispensando sicurezza e sorrisi a tutti alla vigilia e raccogliendo a fine serata il massimo risultato. Non senza risparmiare al qualche sui guizzo in panchina, qualche blitz repentino alla volta del quarto uomo che a un certo ha capito con chi aveva a che fare. In campo la ha iniziato a mostrare la fisionomia voluta dal tecnico, sempre molto corta, pronta a ripartire ed aggressiva sui portatori di palla avversari. Ma è chiaro come la strada sia ancora lunga e tutta da disegnare assieme a un che comunque sta cercando una sua fisionomia.

Certo, molti dei protagonisti giallorossi sono ancora lontani dalla forma migliore ei turchi molto più avanti con la preparazione: Veretout ha bisogno di partite per trovare il suo ritmo, è ancora la controfigura di quello che si aspetta di vedere e anche la è ancora tutta da registrare. Proprio lì dietro sono arrivate le poche pecche della serata che hanno mostrato un paio delle solite amnesie prima della distrazione di che si fa saltare in testa da per il del momentaneo pareggio. Bene invece che qualche dubbio aveva attivato nelle prime uscite di pre-campionato. Ora volta pagina perché da domenica si farà sul serio in campionato, ma in cuor suo spera che i possano regalargli quella «cosa» che manca prima della chiusura del estivo: domandare è lecito, rispondere è cortesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *