L’Olimpico riapre per le prove generali

(IL TEMPO) Un anno e mezzo dopo quel 2020, in cui la Roma rifilò 4 al Lecce, lo riapre le porte al romanista.

Tolti i match a cui hanno partecipato mille persone, ora l’impianto può tornare ad accogliere gli oltre 10mila che hanno acquistato il tagliando per l’ultima della di Mourinho, la prima del portoghese davanti al amico, impegnata stasera alle 20.45 contro il Raja Casablanca.

L’ è già stato testato durante l’ itinerante, quindi la prassi dei controlli anti- non è all’esordio. Cruciale sarà il rispetto del posto indicato sul visto che la società giallorossa ha disposto il posizionamento «a scacchiera» dei sugli spalti per rispettare il distanziamento. Per entrare (cancelli aperti dalle 18.15) sarà necessario il Green pass (almeno la prima dose di vaccino ricevuta da non meno di 15 giorni,un tampone negativo effettuato non oltre le precedenti 48 ore o la guarigione dal Covid) e obbligatoria da indossare durante tutta la permanenza all’ dell’impianto.

La di questa sera sarà il battesimo di davanti al suo nuovo e la sfida alla marocchina l’ test prima dell’esordio nelle competizioni ufficiali con il match contro il Trazbonspor in Turchia per l’andata del di Conference League, prima del debutto in campionato fissato per domenica 22 con la Fiorentina. Il tecnico portoghese potrà finalmente schierare Matias Viña nell’undici titolare per vederlo giocare per la prima volta con la della Roma. Dopo l’ di Dzeko, in attesa dell’arrivo di un sostituto, toccherà a Shomurodov e alternarsi nell’attacco giallorosso. Mentre buone notizie arrivano dall’infermeria visto che torna a disposizione che aveva subito una botta in qualche giorno fa, ma oggi sarà a disposizione del tecnico per mettere nelle gambe in vista dei prossimi ravvicinati impegni. Lo Special

One si aspetta anche un arrivo a per completare l’organico, ma per il momento è importante anche il ritorno di Jordan che, dopo aver saltato praticamente tutta la preparazione, è tornato in campo qualche minuto nell’ persa contro il Betis, non senza polemiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *