MOURINHO “Roma solida. Abbiamo giocato da squadra”

Prima partita ufficiale e prima vittoria targata José Mourinho. Queste le parole del tecnico portoghese ai microfoni di al termine del match con il Trabzonspor:

Era la prima ufficiale, è venuta fuori una vittoria bella perché sofferta. Quanta sofferenza c’è?
C’era pressione perché non era un avversario di Conference League. La gente pensava che fosse una partita facile, era difficile. È una buona con tanta esperienza e giocatori di qualità, anche il pubblico ha giocato questa partita e non è stato facile. La è stata equilibrata e solida in campo, nel secondo tempo abbiamo sofferto dal di vista fisico, parlo di gente come e Cristante che non hanno fatto tanto lavoro nel precampionato. La è stata solida, per me è importante questo. Giovedì prossimo parlerà l’ e spero riusciremo andare ai gironi.

Quanto è contata la qualità di alcuni giocatori?
Per voi è più facile parlare dei giocatori, per me è più difficile. Penso alla come ed è stata bene. È dura: devo iniziare da e arrivare Mkhitaryan, ma anche ha giocato poco come Mayoral o ha fatto il suo. Siamo arrivati troppo spesso in zone di pericolo senza segnare, abbiamo avuto un piano di gioco che i giocatori hanno seguito un po’ meno nella tecnica. Anche nei momenti di difficoltà, quando loro sono stati più fisici e intensi, la mi è piaciuta. Siamo stati sempre squadra. Abbiamo vinto e anche se non lo avessimo fatto, le mie sensazioni sarebbero state comunque positive.

Dormirete stanotte.
Magari le fidanzate o le mogli dei giocatori non saranno contente della mia decisione (ride, ndr) Ma torniamo tardi e dobbiamo recuperare. La professionalità è questa, le sono finite.

Per come la società ha lavorato bene sul mercato, con i e i giocatori d’esperienza e una piazza come Roma, sembra una adatta per e per far sognare i tifosi con i trofei.
È un sogno della tifoseria e lo stesso di tutti i professionisti. Non si gioca calcio solo per divertirsi, ma anche per vincere. Abbiamo finito 29 punti dietro l’Inter, 16 o 19 dietro la quarta classificata, per due stagioni di fila sesti o settimi. Piano piano. La società ha fatto un fantastico, ma è stato un di reazione e non pianificato dopo l’uscita di Spinazzola e Dzeko. Voglio dire che mi manca qualcosa e spero che arriverà l’ prossima. Quest’anno pareggeremo e arriverà qualche sconfitta, ma vogliamo pensare che nel modo in cui lavoriamo andremo vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *