VINA “l segreto è fare una partita alla volta, non porsi mete a lungo termine”

Giorno di presentazioni Trigoria, e con Eldor Shomurodov si è presentato in Matias Viña. Queste le parole nel terzino uruguagio:

Qui a non si vince da tanto tempo. Tu che sei abituato, hai dei consigli?
Sono giovane, ho la fortuna di aver visto abbastanza. Spero di poter imparare anche qui. Il segreto è fare una alla volta, non porsi mete lungo termine.

Trattativa improssiva o parlavate già con prima dell’ di Spinazzola?
Ero al Palmeiras e ho saputo dell’interesse della Roma, ho parlato con Mourinho. Arrivato qui ho fatto il periodo di e mi sono allenato con la e sono felice di essere qui oggi.

Come cambia il modo di giocare in rispetto al Sudamerica?
Cambia molto sopratutto dal di vista tattico, non tanto sul piano fisico. Sono abituato al aggressivo. Gioco con la dove il ritmo è diverso e l’aggressività è maggiore. Mi sto rapidamente abiutando ai dettami e le idee del e sto acquisendo l’intesa con i compagni.

Ti senti pronto giocare difensore centrale? Ne hai parlato con Mourinho?
No, però sono pronto giocare centrale, è una posizione che conosco anche se mi sento un terzino sinistro. Possono giocare i una 3, 4 o 5, sono pronto.

Che effetto di hanno fatto i della Roma?
Vengo dal sudamerica dove le tifoserie sono calde e si sentono forte sul terreno di gioco. Questo fa sì che il calciatore renda al di là delle proprie capacità. Ritrovare il è stato un effetto bellissimo che piace ogni calciatore.

di chiede più la fase di spinta o la copertura?
In sono state le circostanze della determinare l’interpretazione. Dipende dalla gara e dalla gestione. Dobbiamo continuare allenarci così bene. Devo migliorare tatticamente, abiturami un diverso da quello sudamericato trovando l’equilibrio tra fase difensiva e offensiva.

One thought on “VINA “l segreto è fare una partita alla volta, non porsi mete a lungo termine”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *