ZANIOLO “Stasera è un nuovo inizio. Ringrazio tutti”

Al termine del match vinto contro i turchi del Trabzonspor, Nicolò ha parlato ai microfoni di Sport. Queste le parole dell’’esterno giallorosso:

Ti sei commosso al momento dell’esultanza, cosa hai pensato?
tante cose, al percorso che ho fatto. Vedevo i miei compagni rientrare in campo e io in tribuna guardarli, i non hanno mai smesso di incitarmi. La cosa più importante è che sono felicissimo. Stasera è un nuovo inizio, ringrazio la mia famiglia, mi è stato vicino nei più bui, devo rendere grazie allo staff, alla società e al per la fiducia che mi stanno mostrano e ai tifosi. Ringrazio tutti.

ci ha detto che non hai voluto prendere il giorno di riposo per rimanere con la squadra…
Sì, ne ho già presi troppi di di riposo. Sono un giocatore della e sarò fianco della anche se non potrò essere Salerno. Andrò all’allenamento, sempre duemila, e non mi risparmierò perché questa è la mia cultura del lavoro. Penso soltanto allenarmi, sempre con il sorriso, è un messaggio positivo.

Tornerai in Nazionale…
Sì, ho visto sui che c’era questa possibilità ed ero felicissimo. Ora lo sono ancora di più perché mi stai dicendo che sono convocato. E’ un onore vestire la maglia azzurra, soprattutto adesso che hanno vinto l’Europeo. Fare 15 con i d’ mi aiuterà con l’autostima, crescere e per il recupero. Sono felicissimo, non vedo l’ora di raggiungere i compagni in nazionale.

Che sensazione hai avere José come allenatore?
Sin dal primo giorno quando è arrivato a ha dato una carica incredibile me e tutta la squadra. E’ un fantastico, non servo io dirlo. Giorno dopo giorno ci mette in testa una mentalità vincente, di non mollare mai, neanche nei momenti difficili, dobbiamo tirare fuori il massimo da ognuno di noi. Nei momenti difficili ti giri verso la panchina e vedi Mourinho, ti da una carica in più. Con questi è facile fare una corsa in più. Sono felicissimo, speriamo di continuare così.

Quanto sei cresciuto in questo periodo?
E’ stato un momento buio, il più buio della mia vita, ma mi ha fatto crescere come uomo. Mi ha fatto capire cosa vuol dire lavorare, prima andavo in tanto per, adesso vado perché altrimenti non riesco allenarmi. Mi ha insegnato tanto, mi ha fatto crescere sia come uomo che come calciatore. Non tutti i mali vengono per nuocere, sono contento di come sto facendo e di come sto diventando. Devo ancora crescere, ma sono sulla strada giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *