Mou: ripartiamo in coppa

(IL TEMPO) Vietato abbassare la guardia. Nonostante un ampiamente alla portata della sua Roma José non sottovaluta lo Luhansk, del secondo impegno nei gironi di Conference League. In conferenza lo Special One – tornato ai pacati dopo la rabbia di domenica scorsa – parla delle insidie che la ucraina potrebbe riservare questa sera: «Abbiamo studiato lo analizzando le loro partite europee e alcune gare del campionato ucraino, per esempio quella con la Dinamo Kiev. Anche se non sappiamo con quali giocatori scenderanno in campo, hanno sempre giocato con un 44-2 molto lavorato. Sono una molto bene organizzata, che può metterci in difficoltà».

Per l’esperienza del portoghese, giocare in Ucraina non è mai una passeggiata: «Ho già avuto modo di giocare qui con l’Inter, il Chelsea e il Manchester United. sarà la quarta diversa e non ricordo una facile. Con l’ abbiamo vinto all’ minuto, con il Chelsea abbiamo pareggiato 00, con il Manchester abbiamo vinto 10 e anche in questo caso non sarà facile. Lo sa perfettamente quello che deve fare. Dovremo essere concentrati, perché questa gara di facile non ha niente».

Nessuna preoccupazione invece sulle condizioni climatiche e sulla stanchezza per un viaggio lungo più di tremila chilometri: «Ho giocato contro lo anni fa, dicembre, in condizioni totalmente diverse. Quelle attuali sono ideali per giocare. Non ho ancora visto lo stadio e il terreno di gioco, ma si sta bene, la temperatura è perfetta per giocare». non anticipa le scelte di ma, dopo aver schieratogli stessi giocatori nelle ultime due gare di campionato, il tecnico manderà in campo fino questo momento ha avuto meno occasioni per mettersi in mostra: «Non cambierò tanti elementi ma abbiamo la necessità di far riposare qualche calciatore e di dare l’opportunità di giocatore a non sta trovando tanto spazio. Il nostro obiettivo rimane quello di vincere e schierare una forte».

Inevitabile invece tornare sulla sconfitta subita nel derby: «Abbiamo giocato sei partite all’ e quella in cui abbiamo dominato maggiormente è stata con la Lazio. La mia ha sentito di essere più grande e l’ più piccolo» Nel frattempo Trigoria Leonardo ha ricominciato allenarsi sull’erba. Ieri, durante la seduta di rifinitura, il giocatore ha lavorato sul campo con un preparatore che lo ha seguito durante alcuni esercizi: il tutto sotto lo sguardo vigile di Mourinho, che aspetta con ansia il rientro di quello che in aveva dipinto come «uno dei migliori dell’Europeo» Di certo a la buona volontà per accelerare i tempi di recupero non manca. Il giocatore ha già dichiarato di voler rientrare novembre ma, probabilmente, per rivederlo in una gara ufficiale bisognerà attendere di più. Anche se la voglia di tornare giocare è tanta, lo medico di Trigoria non vuole correre alcun tipo di rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *