Riecco la Roma

(IL TEMPO) La torna vincere in campionato dopo il ko di Verona, ma si strozza l’urlo in gola per la perdita di capitan in vista del delicatissimo in programma domenica prossima. Il tecnico portoghese, differenza del collega d’oltre Tevere che ha ha rinunciato molti titolari, non gioca al risparmio in vista della stracittadina e manda in campo la migliore. Sapeva benissimo, lo Special One, quanto fosse importante ritrovare il passo giusto dopo uno scivolone, per il proseguo del campionato, ritrovarsi e riprendere correre.

E infatti la contro l’Udinese gioca un primo tempo disinvolta, domina senza mai soffrire (tranne in un paio di occasioni), colpisce due e segna il del vantaggio sull’asse -Abraham. L’inglese chiude in rete il gran lavoro svolto sulla dal giovane compagno e manda in orbita l’Olimpico: molto più di quanto fatto poco prima dai di Miki e Zaniolo che portano la in testa alla classifica di legno colpiti. È tutto vero! proposito di anche ne registra uno al termine di questo incontro casalingo contro l’Udinese: è il suo quarantunesimo risultato utile consecutivo in casa.

Eguaglia il primato di Allegri in questa «speciale» classifica della quale probabilmente frega qualcosa (ma forse anche no…) solo lui: o quasi. Perché quello che conta per i della sono i progressi di questa squadra, che ieri comunque ha sofferto ancora una volta nella quando la gara andava messa sul livello «controllo», ma che è quarta in classifica contro tutto e tutti e mostra buoni segnali per il futuro. Certo, l’aver perso l’uomo più in forma del momento, quello che ha consacrato non solo capitano ma vero leader di questa in vista di una complicata come il di Roma, lascia un po’ l’amaro in bocca per una serata che poteva essere davvero di «toda gioia».

Però il è anche questo e ha pagato un po’ la sua leggerezza per un che si poteva anche evitare in quella zona del campo con un giallo già sulle spalle, ma pure la voglia di mettersi in mostra di un che comunque non ha condizionato l’esito dell’incontro… almeno non quello di ieri sera. Perché il si sa, è una diversa da tutte le altre e arrivarci meglio dei rivali non sempre equivale successo… anzi, quasi mai. Mourinho &Co. sono avvertiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *