CAGLIARI-ROMA. Il “Pagellario” di Franco Bovaio

Contava vincere e si è vinto. Anche se si è pure rischiato di perdere, perché ha approcciato male alla partita, come spesso le capita contro le squadre di medio/basso cabotaggio. Un’inguardabile ora di non gioco figlia di troppo statici in campo, di zero movimenti senza palla nelle offensive e del prevedibile catenaccio del Cagliari. Che se non lo fai saltare è solo colpa tua per i motivi appena scritti. Poi segna Pavoletti e il sveglia la Roma, diventando anche controproducente per il Cagliari, anche perché con lo stesso centravanti, rispolverato per l’occasione, fallisce due volte il raddoppio, grazie alle parate di (7) Strepitoso sul tuffo di testa di Pavoletti, fortunato sul tiraccio in scivolata di quest’ultimo, solo davanti a lui.

Un’occasione, questa, che è arrivata quando aveva sostituito con Afena (6,5) l’imbarazzante (4), co-colpevole sul di Pavoletti con (6,5 con mezzo in più per il gol) e Mancini (6 perché il lo ha sfiorato), che erano rimasti a guardarlo (forse perché non ritenevano possibile il liscio di testa di Vina) In quel momento, infatti, si era messa a tre dietro con (6) arretrato sulla linea di Mancini e e sulla sinistra c’era un’autostrada. In avanti, invece, Afena scompaginava i piani difensivi di Mazzarri, anche perché la sua velocità era sconosciuta ai sardi, che per questo non sapevano come prenderlo. E in una occasione ha anche sfiorato il gol, che non ha segnato perché il suo tiro in area è stato rimpallato. Il diciottenne ha i per sfondare e Mou ha dimostrato di credere in lui affiancandolo nel momento del bisogno ad (6), sempre poco assistito dalla squadra. E’ strano che non si riescano a sfruttare le doti dell’inglese, sempre generoso e positivo, così come non si continuano a sfruttare meglio quelle di (6,5), che relegato su quella è proprio sprecato. Lui che se partisse dal centro, alle spalle di Abraham, insieme a (7,5, che punizione!), potrebbe diventare devastante.

Ancora deludente Mkhitaryan (5), che senza non ha il compare di assalti alle difese avversarie con cui dialogava l’anno scorso e che, in fase difensiva, deve ripiegare sulla linea di centrocampo accanto a Veretout e Cristante (6 ad entrambi per impegno e fatica), come fa dall’altra lato, per trasformare il 4-2-3-1 di partenza in un 4-4-2 che lascia proprio come uomo più vicino ad Abraham. Un compito tattico che (6 per questo) svolge meglio dell’armeno. A Mourihno, che sul 2-1 ha mandato dentro (5 per i due falli in un minuto con cui ha regalato due pericolose punizioni al e preso un’ammonizione) diamo 6,5 perché con l’intuizione di Afena ha cambiato la partita. Ma con la raccomandazione di variare qualcosa in fase offensiva per provare a sfruttare meglio le qualità di e Zaniolo.

One thought on “CAGLIARI-ROMA. Il “Pagellario” di Franco Bovaio

  • 24/12/2021 in 08:04
    Permalink

    I simply couldn’t go away your website prior to suggesting that I actually loved the usual info a person provide for your guests? Is gonna be again ceaselessly to check up on new posts.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *