ROMA-TORINO. Il “Pagellario” di Franco Bovaio

La vittoria contro il Torino è più importante di quello che sembra, perché nostro giudizio è arrivata alla fine della prima nella quale si è vista di Mourinho (8) Una corta, stretta tra le sue linee, con due attaccanti che si aiutano e due trequartisti che li aiutano, ma che sanno anche fare i mediani. l’aveva preparata bene questa sfida con Juric, chiedendo ai suoi di lasciare il possesso palla al Toro e di stare stretti e compatti per togliere agli avversari quegli spazi nei quali si esaltano. E i suoi gli hanno risposto alla grande. Con (7) che è finalmente tornato comandare la regalando sicurezze anche ai suoi compagni di reparto: Mancini (6,5) e (6,5) L’inglese, se starà bene, sarà un acquisto importante per il resto della stagione, fondamentale come è. Bene anche (6,5), che su quella fa un lavoro tattico enorme e faticoso, nonostante il quale, però, riesce lo stesso ad essere pericoloso in zona-gol. Come nell’azione del che si è procurato e che, poi, non è stato dato per un fuorigioco millimetrico di di (7).

Un altro che ha fornito una buona prestazione, condita dal della vittoria (il quarto nelle ultime quattro partite) che gli vale mezzo voto in più. Non sarà un caso se ha cominciato segnare con frequenza da quando gli è stata affiancata una seconda punta, nella fattispecie (6,5), al quale diamo invece mezzo voto in meno solo perché nel secondo tempo si è troppo intestardito nei dribbling e nelle giocate individuali. Se avesse dato di più la palla forse avrebbe chiuso prima la partita. Ma il ragazzo c’è (come dimostra il velo meraviglioso nell’occasione del gol) e in quel ruolo rende al massimo (come abbiamo scritto più volte), perché è più pericoloso, sta più vicino alla porta e non è relegato su quella dove era davvero sprecato. Così come sulla era sprecato Mkhitaryan (7,5), che là in mezzo è sempre decisivo anche perché si trova meglio, come ha detto lui stesso alla fine del primo tempo ai microfoni di DAZN. Suo l’ per e sue tante rincorse all’indietro tatticamente fondamentali, da vero mediano.

Il 34-21 o 35-2 ( seconda delle fasi di gioco) esalta anche (6,5), che quando può giocare tutta è un gran giocatore, mentre quando deve fare il terzino puro nella difesa quattro soffre quando è costretto fare il marcatore. A Rui Patricio (sempre attento), Carles (entrato al posto dello sfortunato e tatticamente più disciplinato del solito) e (al rientro da titolare) diamo 6 perché non hanno demeritato né strameritato. Il recupero di può essere importante per il futuro immediato, così come l’utilità di Carles in mezzo al campo e non sulla fascia. è ormai una sicurezza.

3 thoughts on “ROMA-TORINO. Il “Pagellario” di Franco Bovaio

  • 26/03/2022 in 03:29
    Permalink

    Wow that was strange. I just wrote an incredibly long comment but after I clicked submit my comment didn’t
    appear. Grrrr… well I’m not writing all that over again. Anyhow, just wanted to say wonderful
    blog!

    Rispondi
  • 28/03/2022 in 03:26
    Permalink

    Heya! I’m at work browsing your blog from my new apple iphone!
    Just wanted to say I love reading through your blog and look forward to all your posts!
    Carry on the excellent work!

    Rispondi
  • 06/04/2022 in 01:12
    Permalink

    After exploring a few of the blog posts on your site, I seriously like
    your technique of blogging. I book-marked it to my bookmark
    website list and will be checking back in the near future.
    Take a look at my website as well and let me know your opinion.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.