ROMA-CAGLIARI. A PRIMA VISTA di Paolo MARCACCI

Per Maitland – Niles potremmo considerarlo il vero esordio; per Sergio un autentico battesimo dopo una settimana di titoli, interrogativi tattici, una durante la quale ha palesato una imperturbabile sicurezza, che vedremo quanto e come si tradurrà in autentico piglio da leader.  è soddisfatto dopo i rinforzi del invernale? Certamente sì, a maggior ragione perché potrebbe non essere terminato qua. 

Un che ha dovuto mettere insieme con lo spago e potendo contare poco anche sui giovani: il club sardo ha, infatti, ieri alla vigilia del match la positività di cinque giocatori della prima squadra e cinque della Primavera. Annunciando al contempo l’annullamento della conferenza di , che oggi deve, dunque, fare a meno di diversi giocatori.

Inizialmente fuori Veretout, come fatto subodorare dal tecnico in conferenza, con tanto di piccola reprimenda; però il francese ridiventa titolare durante il riscaldamento, perché Pellegrini alza subito bandiera bianca. Roma, come ti sbagli, sempre alto tasso di incerottamento. 

Primo tempo da minimo sindacale, con una specifica sui singoli: e Maitland Niles i migliori; come può essere inteso un segnale del genere? Che riflessioni fa fare e quanto dà ragione a Mourinho? Bene, comunque, il portoghese: si vede dall’ nitido che manda in porta in occasione del poi revocato; dall’esecuzione nitida dal dischetto in occasione del vantaggio; dai palloni recuperati. 
Più aperto e al tempo stesso più disordinato il secondo tempo, con la che trova qualche corridoio in più, compreso, ma al tempo stesso con i sardi che consentono a Rui Patricio di essere quantomeno inquadrato. Qualche lo perde Oliverira, nella ripresa, qualche altro lo trascina verso la porta. Poca roba in assoluto, con la parata di Rui Patricio su Joao che vale un mezzo gol. 

Sérgio s’è ambientato in tutto e per tutto, possiamo dire, perché si fa anche quasi male nel finale. 

Alla fine arrivano i tre punti. Poco altro, bisogna dire, ma alla fine conteranno quelli, non la noia o gli aggettivi.