A fine novembre la squadra va in Giappone

(IL TEMPO) Una settimana in Giappone durante la pausa Mondiale. Dopo la tappa in Indonesia nel 2015, la Roma è pronta a tornare in Asia per una mini-tournée che ha l’obiettivo di ampliare il più possibile la visibilità del club a livello globale e aumentare i ricavi, magari stringendo una nuova partnership con un’altra azienda del Sol Levante dopo quella appena iniziata con Toyota.

E sarò proprio il marchio automobilistico vicino ai Friedkin ad organizzare i principali eventi che vedranno coinvolta la squadra di José Mourinho tra fine novembre inizio dicembre. Ieri il team manager Valerio Cardini è volato a Tokyo insieme ad alcuni uomini del club giallorosso che si occuperanno della logistica, per visitare le strutture che ospiteranno Pellegrini e compagni e studiare gli spostamenti del gruppo una volta sbarcati in Giappone.

La tournée si svolgerà in non più di due città – una sarà Tokyo – e durerà circa sette giorni. Nei piani della proprietà texana infatti è fondamentale aumentare la popolarità del marchio As Roma sul mercato asiatico, con particolare attenzione proprio al Paese nipponico: non è un caso se tra i rinforzi della squadra femminile arrivati in estate ci sia anche Moeka Minami, la prima giocatrice giapponese a vestire la maglia della Roma (tra gli uomini invece l’unico è stato Hidetoshi Nakata).

Durante le sei settimane di sosta, i giocatori che non saranno impegnati in Qatar alterneranno periodi di lavoro a giorni liberi e potrebbero disputare alcune amichevoli interne come quelle andate in scena durante la preparazione estiva.