COLPI DI TACCO (Speciale Champions) di Mario BIANCHINI

Troppo bella…

” non poteva mancare alla sublimazione del gioco del

In una notte di stelle settembrine è volata dallo degli dei all’ , una regina “popol deliziare”

Si chiama , più che mai magica, venuta raccontare
brani di football conosciuti solo in paradiso.

, ” urlavano gole secche di affanni, ti ho ritrovata bella, immarcescibile, invincibile.

Ti avevano data per dispersa nel deserto della malinconia. Lingue feroci, biforcute ti avevano mortificata , relegata nel limbo della tristezza quando si levò alto il grido del condottiero “Voglio uomini alla mia corte, la fierezza dei veri

Colpita nell’orgoglio, la truppa reclamava campo e campo le fu dato accompagnato dal coro

Palla al centro, pochi giri di orologio e il proiettile di Dzeco fece centro.

Era il segnale di una girandola di reti,, rasoiate , che hanno fatto barcollare gli spalti e i cuori giallorossi.

Bando al linguaggio aulico in cui sono stato trascinato.

Questa fa sul serio. Ha preso al balzo il palcoscenico conferma dei segnali lanciati contro Frosinone e

Più che mai riecheggia il detto di Agatha Christie :”Un indizio è un indizio, due indizi sono un sospetto, tre indizi sono una prova ”

Si, certo, la prova di una finalmente ritrovata.

Nel crescendo rossiano ha fatto spico l’acuto del . Tutti erano in cerca di gloria con i garretti lucidi di inizio gara.

Mai fu accolto con sollievo dagli avversari ceki , il triplice fischio arbitrale .

E adesso sotto tocca

Colpi micidiali di dritto o di rovescio, colpi di punta di suola , di stinco , ma soprattutto !

 



Segui il nostro ‘blogger giallorosso’ Mario sul suo sito personale…
CLICCA QUI!!! 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *