“Vincere? Serve tempo”. I Friedkin avanti adagio

(IL TEMPO) “Riteniamo che sia unpo’ come un gigante addormentato e non c’è motivo per cui, col tempo, questo possa competere seriamente per dei trofei tutti i livelli“ E’ di la frase più effetto della prima dei come proprietari della Roma. Finora avevano parlato solo attraverso un comunicato. Non passerà molto tempo prima di guardarli in faccia ed ascoltarli, visto che sono attesi per la prossima settimana. Intanto messaggi chiari e prudente: “Condividiamo l’ambizione con i e vogliamo vincere. Ma abbiamo bisogno di pazienza: i non vengono costruiti dall’oggi al domani. Promettiamo di lavorare duro, in modo intelligente e strategico“ Niente proclami, i ci saranno sempre tenendosi lontani dai riflettori: “Preferiamo far sentire la nostra presenza piuttoso che parlare e per questo abbiamo incaricato la nostra dirigenza, in particolare Fienga, di gestire la maggior parte delle comunicazioni“ dovrebbe trasferirsi Roma, lo guiderà dal Texas e avranno un vantaggio da sfruttare: l’eredità di e soprattutto nei suoi errori da non ripetere.

7 thoughts on ““Vincere? Serve tempo”. I Friedkin avanti adagio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *